Quando dire “Ti Amo”

Il risultato è che la maggior parte delle persone dice “Ti amo” circa tre mesi dopo l’inizio di una relazione.  Il secondo tempo più popolare per un “ti amo” va dai quattro ai sei mesi. Per alcuni, però, anche tre mesi è un tempo troppo lungo per dichiarare il proprio amore. L’indagine ha scoperto che il 13% degli individui ha confessato l’ amore per il partner dopo solo un mese di relazione. Il 3% lo ha detto dopo una settimana. Ovviamente ognuno sa bene quando è realmente innamorato, quando prova dei sentimenti ed ha bisogno di esternarli, quando il cuore batte all’impazata, ma ci sono alcune cose a cui pensare prima di rivelare i propri sentimenti, tendo a bada il cuore. Molti credono che quando il partner rivela i suoi sentimenti questo sia pronto per la per il matrimonio. Il “Ti amo” è dunque associato ad un grosso impegno. Chiaritevi che non c’è nulla di cui aver paura, che dietro il vostro “Ti amo” non si nasconde alcuna proposta di matrimonio. Fategli capire che non c’è alcun bisogno di farsi prendere dal panico e che state solo rivelando ciò che sentite nel vostro cuore. E’ molto raro che il vero amore esploda al terzo appuntamento. Dunque per evitare spiacevoli reazioni che potrebbero distruggere un rapporto che sta per nascere, prima di confessare il vostro amore, siate certi di provare dei reali sentimenti. Le farfalle nello stomaco e la passione smisurata non bastano, l’amore vero deriva anche da un grado di intimità più elevato e dalla conoscenza reciproca. Fermatevi un momento a pensare: quante volte avreste voluto dire “Ti amo”? E quante volte, dopo pochi mesi, vi siete resi conto che quello non era la persona della vostra vita? Date dunque peso alle parole che pronunciate. Dire a qualcuno “Ti amo” al secondo appuntamento è azzardato. Il vero amore richiede tempo per svilupparsi e crescere. Non sprecate queste parole così importanti nel momento sbagliato.

4 pensieri su “Quando dire “Ti Amo”

  1. In fondo, però, un ti amo rappresenta con quanta forza grida lo stomaco. Non è qualcosa che lega per sempre o da destinare alla persona che sarà con noi per il resto della vita.
    È un urlo. Ed è la stretta più forte che si possa dare.
    Capita. Ed è bello possa capitare.
    Ovviamente, il mio, rimane un punto di vista.
    Jill scott – the fact is

    Mi piace

  2. Io per attitudine tenderei a dirlo dopo i primi 30 / 35 anni dall’inizio della relazione, ma tornassi indietro lo direi almeno 1 mese prima dell’inizio della relazione, o, al più tardi, nell’esatto istante in cui per la prima volta le labbra si separano dopo il primo bacio.
    Nulla è per sempre. Dire “ti amo” vale il tempo in cui si prova il sentimento, in cui si sentono le farfalle nello stomaco.
    Certo, la definizione corretta resta quella dell’amore consapevole di chi è l’altra persona e la accetta pienamente, con tutti i difetti e le bugie e le ombre, ma dopo tanti anni (o mesi, o giorni) si rischia di parlare al passato: dopo 35 anni dovrò dire alla fortunata che mi ha sopportato che: “ora so che ti ho amata”

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...