Resisti e conquisti

Vi sarà capitato mentre siete in giardino di notare un animaletto giallo a righe nere,  il  famoso calabrone che non potrebbe volare non è il calabrone: è il bombo, un insetto decisamente sproporzionato, troppo ciccione per le piccole ali che possiede. Tuttavia al bombo non interessano le opinioni dell’homo sapiens sulla sua agilità e taglia: il bombo si alza al mattino, sbatte le sue aluccie come un maledetto, e vola Perché per ottenere qualcosa lo capisce pure un invertebrato TI DEVI SBATTERE sii bombo !

Curare le piante in estate

L’estate è per tutti equivalente di mare , montagna relax e vacanza, è un momento magico in quanto permette di ritagliarsi una pausa e concedersi qualche giorno di evasione. A volte però allontanarsi da casa può mettere in crisi, soprattutto chi ha il pollice verde. Ebbene sì negli ultimi mesi, complice il lockdown, in molti si sono dedicati all’home gardening nel tentativo di ricreare una piccola oasi verde tra le mura domestiche, anche  i giardini sono curati e hanno un sacco di vasi con splendide piante e fiori: le piante è risaputo, oltre ad abbellire e arredare ogni ambiente sono in grado di portare il buonumore. Assentandosi dunque, se non si ha una persona di fiducia a cui affidarsi, la paura è che tutto il lavoro fatto possa andare perduto. Non bisogna disperare e tanto meno rassegnarsi: esistono infatti dei piccoli escamotage che permettono di curare le piante, mantenerle sane e rigogliose e ritrovarle al proprio ritorno ancora belle e verdi. Preziosi a tale proposito i consigli impartiti dai professionisti per non far soffrire le proprie piante durante il periodo di assenza. In primis, onde evitare di combinare pasticci, è bene informarsi circa le differenti esigenze delle singole specie in maniera tale da poter assicurare loro una vita sana e duratura. Prima di partire è necessario trovare ai vasi la giusta collocazione: è bene ricordare che le piante non vanno mai esposte ai raggi diretti del sole. Meglio preferire la luce indiretta: la temperatura ideale è compresa tra i 15° e i 25°C circa. Altra questione cruciale l’irrigazione: è di fondamentale importanza fornire loro il giusto apporto di acqua.

Arredare l’outdoor

Negli ultimi anni il nostro rapporto con gli spazi fuori è molto cambiato. Giardini, terrazzi e balconi sono diventati luoghi da vivere, dove regalarsi momenti di condivisione e relax. Sono i nuovi living, arredati con cura e con pezzi unici, che coniugano estetica e funzionalità, annullando il confine tra interno ed esterno. Ambienti che diventano un’estensione delle nostre case, dove nulla è lasciato al caso, ma al centro c’è la costante ricerca del bello. Così, per la bella stagione, molte aziende propongono una selezione di arredi outdoor dallo stile contemporaneo, ideale per conferire ricercatezza agli spazi abitativi. Modularità, comfort e materiali pregiati sono i tratti distintivi di molti progetti. Prodotti realizzati in vimini, teak, resistente agli agenti atmosferici. Ma anche metalli leggeri, tessuti idrorepellenti e resistenti alle macchie, ai raggi UV e allo sbiadimento, che vi permetteranno di vivere al meglio il vostro giardino

Rilassarsi un po’

Immagina un pomeriggio di relax in giardino, con il sole alto nel cielo e una brezza rinfrescante: in questo scenario idilliaco manca solo un posto speciale su cui stare sdraiato. Se hai a disposizione uno spazio verde, rendilo magico grazie all’ amaca, alternativa comoda e divertente alle classiche poltrone e sdraio. Dondolarti dolcemente nel tuo ambiente esterno diventerà il momento più rilassante della giornata Appesa a un unico sostegno, a due alberi oppure a due pali del portico o del terrazzo, le amache rappresentano “quel certo non so che” di festa e di vacanza che riesce subito a portarti  con la mente in un altro luogo. Aggiungi un ombrellone, tanti cuscini  un morbido plaid se vuoi utilizzarla anche di sera quando le temperature scendono. E non dimenticare qualche piccola decorazione aggiuntiva, come lanterne e candele luminose da appendere per illuminare le tue serate di ristoro

Idee per nascondere i bidoni dell’immondizia in casa, giardino e sul balcone

La gestione separata dell’immondizia implica la presenza di più bidoni della spazzatura. Questi sono spesso molto ingombranti e, di conseguenza, occupano parecchio spazio. Ma non solo. Oltre al problema logistico degli spazi, i bidoni dell’immondizia sono anche molto brutti da vedere. In cucina, o in casa, li possiamo sistemare all’interno di un apposito mobiletto dotato di ante. Ovviamente, questa soluzione è però possibile se si tratta di bidoncini di piccole dimensioni. Ma come fare coi bidoni grandi? In genere, questi li teniamo in giardino oppure sul balcone. Di certo, però, non sono un gran bel vedere. Specie durante la bella stagione, quando gli spazi aperti si vivono molto di più. Ecco qualche idea per camuffare i bidoni dell’immondizia e non rovinare l’estetica di meravigliosi giardini in fioriti  o splendide e accoglienti terrazze ben arredate. Potremmo costruire una sorta di recinto all’interno del quale richiudere i nostri bidoni della spazzatura. Come materiale si può utilizzare il classico legno. Per un effetto molto naturalistico, potremmo optare per delle canne di bambù. Vediamo ora una soluzione meno complicata. Nascondere i bidoni dietro ad una fioriera verticale. Basterà sistemare davanti ai nostri bidoni un graticcio di legno sul quale far crescere una bella pianta rampicante, tipo edera, gelsomino o bouganville. In alternativa alle piante rampicanti, potremmo più semplicemente agganciare alle varie grate dei vasetti contenenti piante e fiori. Concludiamo con un suggerimento davvero semplicissimo. Chi non è pratico con il bricolage o coloro che sono negati con la cura di vasi di piante e fiori, possono rivestire i bidoni della spazzatura con una carta adesiva. Per un risultato armonioso con il contesto, il suggerimento è quello di optare per fantasie floreali o che, comunque, richiamano il mondo vegetale.

I bulbi per dare il benvenuto alla primavera

Cosa c’è di più bello che ravvivare una stanza con un bel vaso di fiori elegantemente accomodati: sui tavoli, sui ripiani di un mobile, sui davanzali delle finestre o sul comodino e non solo, sono sempre un tocco colorato e piacevole in qualsiasi ambiente. Ma a meno che non siano finti, o magari secchi e dipinti, li vedremo deperire velocemente dopo solo qualche giorno. Quali sono le alternative? Usare vasi con piante da appartamento oppure… I bulbi! Sono tanti i fiori che si vedono sbocciare dalla fine dell’inverno in poi e che vengono prodotti proprio da bulbi Tulipani, giacinti, bucaneve, narcisi e tantissimi altri diventano splendide decorazioni anche in casa, che poi potrete provare a continuare a coltivare in piccoli contenitori oppure spostare in vasi più grandi o in giardino. Crochi, muscari e non solo: date un’occhiata ai banchi dei mercati, supermercati e vivai alla ricerca dei fiori che vi piacciono di più. Per contenerli, potete usare delle tazze o  anche i vasi di vetro che prima contenevano candele profumate. Sono adatti anche bicchieri, boccali e calici. Potete decorarli anche con un po’ di muschio. Ovviamente sono sempre più che adatti anche i semplici vasi ma le dimensioni compatte e contenute dei bulbi permettono di sbizzarrirsi con composizioni impossibili con altre piante.

Glicine è arrivato il momento di potarlo

l glicine è una delle piante più amate nella decorazione dei giardini: un rampicante estremamente forte e longevo, con una fioritura copiosa e eccezionale, che trasforma pergolati e muri in una pioggia fiorita, con quelle infiorescenze anche lunghissime a forma di grappolo che possono avere varie sfumature dal bianco al viola. È anche una pianta che non ha bisogno di particolari cure: una volta che ha preso possesso del terreno nel vostro giardino  e che si trova in una posizione sufficientemente soleggiata, l’unica cura di cui ha bisogno è quella della potatura, che si effettua due volte all’anno in estate e in inverno. La prima si effettua tra luglio e agosto per accorciare i rami più recenti e dare ordine alla chioma, così che poi fiorirà meglio. L’altra invece si effettua a fine inverno, quando non c’è più rischio di gelate, soprattutto di notte. Ogni volta che intervenite su delle piante rampicanti, vi renderete conto che in pochi mesi sono in grado di avvinghiarsi a qualsiasi supporto trovano. Quindi dovete sfruttare questa loro straordinaria capacità e guidare i rami nella direzione che volete. Una volta tagliato e pulito tutto, prendete i rami che rimangono sparsi e separati dalla pianta principale, e con dei lacci legateli lungo i supporti del gazebo, tralicci e simili, lungo i rami più vecchi, o dentro un vaso di vetro da collocare sopra un tavolo. Così la pianta assumerà la forma che volete e coprirà la superficie desiderata.

Una casa sempre profumata …in modo naturale

Avere sempre un buon profumo in casa, è sinonimo di buona igiene. E per le persone, entrare in una casa che ha un buon profumo, è un fattore molto piacevole per sentirsi a proprio agio  Per questo, molti scelgono di acquistare profumatori di diverse fragranze. Ci sono inoltre delle  soluzioni  naturali, per far sì che la tua casa abbia sempre un buon profumo. Si tratta di piantare un seme di limone in una tazza, la piantina diventa anche un grande elemento decorativo, mentre offre aromi rinfrescanti e piacevoli che renderanno il vostro ambiente piacevole. È molto semplice e anche divertente da fare se amate le piante. Prima di iniziare, procurati:I semi di limone. Un po ‘di terra Una tazza di media o grande dimensione. Pinzetta che userete per rimuovere la pelle dai semi di limone. Acqua. Ora dovete solo seguire questi semplici passaggi Prendete la tazza e mettete acqua e semi di limone. Lasciali riposare per un’ora, questo scioglierà la pelle dei semi in modo che sia molto più facile da rimuovere. Togliere i semi e metterli su carta da cucina per assorbire l’umidità e prendete le pinze per rimuovere la pelle dei semi, questo passaggio è importante per una  germinazione di successo. Mettete i semi già senza la pelle in un po’d’acqua e aspettate che germinino. È un processo necessario che può richiedere fino a 2 giorni Dopo che sono germogliati, dovete metterli nel terreno inumidito con un po ‘d’acqua, e in questo passo prendete la tazza dove volete piantarli. È necessario posizionare i semi a spirale in tutta la lunghezza della tazza Se volete aggiungere un tocco in più che dia un maggiore valore decorativo, puoi mettere piccole pietre colorate sulla tazza. Resta solo da aspettare che le piante crescano, scegli un luogo appropriato dove vuoi metterle, devi solo assicurarti che ricevano la luce solare per la maggior parte del tempo. Bagnatele ogni tanto se vedete che non hanno umidità e in brevissimo tempo avrete preparato il vostro albero di limone che lascerà la vostra casa molto profumata.

Fiori sempre freschi

I fiori freschi colorano e rendono più belli gli ambienti domestici, portando un po’ di primavera in casa anche quando il calendario segna la stagione fredda. Sbizzarrirsi con le composizioni floreali in vaso è appagante e divertente, salvo poi vedere la propria creazione appassire nel giro di pochi giorni. Esistono però alcune accortezze che si possono prendere per ritardare il più possibile l’avvizzimento dei fiori recisi, e mantenerli freschi e profumati per qualche giorno in più. Per prima cosa, occorre tagliare in modo obliquo lo stelo alla base, in modo che la superficie di assorbimento sia più ampia, e non dimenticare di ripetere l’operazione ogni giorno, accorciandolo di un paio di centimetri, in modo da ridurre la formazione di batteri ed evitare che marcisca troppo presto. E’ inoltre importante cambiare l’acqua tutti i giorni e metterne sempre di fresca, possibilmente dopo aver dato una pulita anche al vaso per togliere eventuali formazioni fungine o batteriche. L’acqua dovrà sempre essere a temperatura ambiente, circa 20 gradi, ma se volete che i bulbi chiusi si aprano velocemente metteteli 10 minuti in acqua caldina per poi ritornare al vaso fresco. Togliete sempre foglie secche e petali caduti nell’acqua .Quanto detto finora riguarda la manutenzione quotidiana, ora veniamo ai ‘trucchi’ per aumentare la durata dei fiori. Alcune sostanze fungono da battericida e conservante naturale, come il limone o l’aceto, che potrete mettere nell’acqua dei fiori nella dose di un cucchiaio per litro d’acqua circa. Anche la candeggina ha un buon potere conservante, ma in questo caso ne basteranno poche gocce. Aggiungere un cucchiaino di zucchero all’acqua è un trucchetto comune che permette ai fiori di godere di maggiore nutrimento, e qualcuno suggerisce di aggiungervi anche alcune gocce di vodka come conservante. Ancora, gettare una monetina di rame dentro il vaso è un ulteriore modo di prevenire la formazione di funghi e batteri.