I colori da usare per la casa

Il Feng Shui è un’antica disciplina geometrica taoista dell’estremo oriente, cinese per la precisione, simile alla geomanzia occidentale. Il Feng Shui si considera che coinvolga anche l’astrologia e la psiche. La traduzione letterale è “vento e acqua” e questi due elementi si identificano con lo Yin e lo Yang. All’interno della casa i colori dell’ingresso devono essere freschi e chiari, quindi scegliete tra il rosa, il verde e il blu.Per ciò che riguarda la zona giorno i colori spaziano dal giallo, all’arancione e al rosso. Devono essere colori accesi che sostengano la convivialità. Questa è infatti la zona in cui la famiglia si riunisce, il cuore pulsante della casa, dove si gode dei momenti di unità dei familiari. Vanno bene anche i colori della terra come il beige, il marrone e il color crema. Per il bagno si consiglia di abbinare il turchese o il rosso al nero o al bianco. La camera da letto invece, è preferibile che sia colorata di verde, giallo, salmone, lilla, crema e beige. Tonalità che accostano relax e un buon sonno. Colori neutri per per la camera dei bambini.Molte attenzioni sono da dedicare anche alla cucina, luogo in cui vengono preparati i cibi che influiscono moltissimo sul nostro benessere mentale e fisico. Si consiglia il giallo abbinato alle tonalità della terra, ma anche il bianco affiancato al verde.Per la sala da pranzo è utile creare un’atmosfera rilassata e conviviale, quindi prediligete i verdi, i gialli i rosa e, ancora una volta, le tonalità della terra. Se non disponete di un locale apposito per mangiare, potete decidere di colorare di questi colori il muro che fa da sfondo al tavolo in cui mangiate presso la cucina o il soggiorno.

Rimedi naturali contro le mosche

Con le giornate più fresche le nostre case vengono invase  dalle fastidiose mosche che tendono a concentrarsi negli ambienti più caldi e in particolare in cucina. Ecco alcuni rimedi naturali per allontanarle. Tisana menta e aceto Non occorre riempire casa di repellenti chimici, basta solamente puntare sui rimedi naturali Uno dei rimedi della nonna contro piccoli insetti, e in particolare contro le mosche, è quello a base di menta e aceto. Basta lasciare a macerare dentro un barattolo qualche foglia di menta fresca con dell’aceto, lasciandola a riposo per qualche settimana, poi utilizzare il prodotto diluito con acqua. Bisognerà vaporizzarlo negli ambienti di casa per tenere alla larga le mosche e i piccoli insetti. Pepe contro le mosche il pepe profuma le nostre pietanze certamente non è particolarmente apprezzato dagli insetti, dalle mosche in particolare, che a quanto pare preferiscono starne alla larga. Dunque per evitare che le mosche entrino in casa potreste sistemare sui davanzali delle finestre o negli ambienti in cui si concentrano gli insetti piccole ciotoline piene di pepe. Chiodi di garofano in generale gli insetti non amano i profumi forti delle spezie, ecco perché i chiodi di garofano possono rivelarsi utili contro mosche e i piccoli insetti della frutta. Anche in questo caso vi basterà distribuire in giro per casa delle piccole ciotole con chiodi di garofano e fettine di limone, due profumi mal sopportati dagli insetti.

Alimenti di stagione

Un’alimentazione e una cucina che seguono il susseguirsi delle stagioni possono divenire molto salutari, divertenti e colorate. L’ occasione di trovare moltissimi tipi di frutta oppure ortaggi in qualsiasi momento dell’anno ci ha disabituato, spesso, a seguire i prodotti tipici della stagione, che di solito sono anche i più buoni e saporiti. Proviamo a vedere quali sono i prodotti della terra e del mare più freschi e gustosi in questi mesi: Verdura: carote, cetrioli, bietole, aglio, fagioli, melanzane, ortiche, lattuga, cavoli , patate , cipolla, cicoria. Frutta: fichi, uva,mandarini, arance, pere mele , uva spina. Pesce: orata, sogliola, dentice, sgombro, spigola, alici, cefali, merluzzo, tonno, sardine, triglie. Una ricetta semplice e veloce con pesce, verdura e frutta ? Sogliola al cartoccio Ingredienti: 4 sogliole intere e pulite   Lavate e tagliate a listarelle le costole della bietola. patate olio d’oliva  sale  pepe   Pelate e tagliate le patate a cubetti: fatele sbollentare in acqua salata per 4  minuti. Ponetele nella teglia; conditele con olio, sale e pepe. In una ciotola condite la bietola a listarelle con olio, sale, pepe e qualche foglia di timo e riempiteci la pancia delle sogliole. Adagiate quindi le sogliole sulla teglia, sopra le patate e infornate in forno preriscaldato a 180° per circa 20/25 minuti Buon appetito!

Oli aromatizzati

Gli oli aromatizzati sono semplicissimi da preparare in casa e possono dare una marcia in più a moltissime ricette, oltre ad essere davvero gradevoli! Il processo di base per preparare gli oli aromatizzati a freddo richiede pochi utensili e ingredienti assai semplici. Munitevi di piccoli barattoli di vetro oppure di mini-bottigliette; procuratevi un olio extravergine di ottima qualità; pensate alle vostre spezie o alle erbe aromatiche che preferite. I contenitori per la macerazione devono essere ben lavati e sterilizzati prima dell’uso e vanno conservati in un luogo buio e asciutto per un tempo che può variare da 1 settimana ad 1 mese, prima che l’olio aromatizzato abbia ottenuto il gusto desiderato e possa essere consumato. Una buona idea per evitare l’ossidazione provocata dalla luce consiste nell’ avvolgere i contenitori con la carta argentata. Tutti gli oli aromatizzati possono essere conservati per circa 12 mesi. Ecco alcune idee. Olio all’aglio 300 ml di olio extravergine di oliva,4 spicchi di aglio fresco erbe aromatiche 1 cucchiaino di origano, 4 foglie di salvia, mezzo rametto di rosmarino Ponete nel vostro contenitore gli spicchi di aglio privati della buccia e lievemente schiacciati, aggiungete le erbe aromatiche e coprite col l’olio. Chiudete bene e lasciate riposare per due settimane; dopo filtrate tutto e versatelo nuovamente nel barattolo o nella bottiglietta desiderata. Olio al limone 500 di olio extravergine di oliva 1 limone biologico e non trattato la buccia, senza la parte bianca Lasciate riposare per 1 settimana le bucce di limone nell’olio, poi eliminate le bucce, filtrate l’olio e consumatelo sempre a crudo. Olio speziato 500 ml di olio extravergine di oliva 4 peperoncini rossi freschi tagliati a metà 5 bacche di ginepro 5 rametti di erba limoncina 1 rametto di rosmarino 2 spicchi di aglio fresco schiacciato 5 grani di pepe nero. Lasciate macerare tutti gli ingredienti con l’olio per almeno 1 mese. Poi filtrate e consumate!

Uova che passione

Qualcuno le considera il cibo più nutriente al mondo, altri le temono per il contenuto in colesterolo, altri ancora ne apprezzano la versatilità in cucina… sarà forse per la ricchezza in proteine, grassi buoni, ferro, zinco e vitamine, ma qualunque rapporto ci leghi ad esse non possiamo certo negare la loro universale importanza nell’alimentazione umana, stiamo parlando delle uova Le uova sono un alimento molto utilizzato nella cucina italiana ed internazionale, sia assolute che come ingrediente di numerose ricette Quante volte abbiamo sentito pronunciare la frase “non sono bravo in cucina, non so cucinare nemmeno un uovo sodo”? Eppure non si tratta di un’operazione particolarmente complicata, ma come tutte le ricette semplici anche la preparazione delle uova sode richiede attenzione e qualche regola che vale la pena di seguire. Una su tutte l’acqua, che non deve essere mai in piena ebollizione, ma bollire dolcemente. Inoltre raffreddare le uova sode immediatamente, permette di evitare quell’alone verde che è sintomo di un’eccessiva cottura, ma anche di un uovo non particolarmente fresco. Decorare le uova sode è un modo per rendere speciale non solo l’aperitivo, ma anche un antipasto in occasione di una cena Ogni uovo può diventare un pulcino, una gallinella, un buffo personaggio con capelli, cappello, naso, occhi, bocca. Perfino mani e piedi. Basta ritagliare le formine che volete dalla verdura e applicarle sulle uova.

Natura colore sapore

Naturalezza, colore, salute: qual è l’ alimento che racchiude in sé tutte queste caratteristiche sono disintossicanti, antisettiche e mineralizzanti; contengono ferro, potassio, calcio, magnesio, fosforo; sono Naturalmente stiamo parlando delle verdure rosse invernali: bieta, barbabietola e cavolo viola. Non solo fanno bene alla salute e sono buonissime, ma in cucina sono anche di ingredienti che consentono di realizzare piatti di grande scena grazie alle colorazioni rosse e violacee che sprigionano. Potrete preparare degli spaghetti rossi con barbabietola, cavolo, cappuccio, viola, e  bieta rossa E’ difficile resistere ad un piatto di spaghettoni quadrati così invitanti! La ricetta è facile e veloce: basta creare una crema di barbabietole, yogurt greco, sale, pepe e limone da ripassare in padella con un paio di alici, rosmarino e salvia. Per finire, condire il tutto con dei croccanti semi di zucca. Colore e sapore saranno sono serviti!

Porcini

Tra i funghi più amati ci sono loro, i mitici porcini: caratterizzati da un cappello carnoso, che può raggiungere un ragguardevole diametro anche 30 cm, hanno un gambo robusto e un gusto inconfondibile. Sono presenti in numerose tipologie e nascono prevalentemente in boschi di conifere e latifoglie, soprattutto ai piedi di querce, castagni e faggi. L’autunno è il la stagione per eccellenza dei funghi, grazie al clima spesso piovoso e umido. Sono il motore trainante di centinaia di persone che cesto alla mano, approfittano in questo periodo per andare a fare una passeggiata nel bosco alla ricerca di queste prelibatezze Alcune semplici regole di base: i porcini vanno raccolti soltanto in condizioni di sicurezza, non improvvisatevi esperti di funghi se non lo siete. Comprateli preferibilmente nella stagione giusta. Ora sappiamo distinguerli, ma…come si puliscono?La cosa fondamentale è non bagnarli in acqua, per non rovinare la riuscita in cottura.Una volta raccolti vanno puliti eliminando con un coltellino la parte finale del gambo e la primissima superficie, spennellando via le tracce di terra.Poi si può procedere con lo staccare la testa del fungo, ruotandola delicatamente e scavando poi nella giuntura per eliminare altre tracce di terra. Infine, conviene passare la superficie del fungo con un panno umido per eliminare gli ultimi residui. E ora sono pronti per essere cucinati! Puliteli molto, ma cuoceteli poco: è importante, sia per questioni organolettiche, sia igieniche, eliminare tutto il terriccio e le impurità. Allo stesso tempo, eccedere nella cottura li farà diventare troppo gommosi e viscidi: se ci volete fare il risotto, non metteteli subito nella pentola. Saltateli per 3 minuti in un tegame a parte con qualche erba aromatica e uniteli al risotto negli ultimi 3 minuti di cottura. Altrimenti gustateli Fritti in abbondante olio di oliva sono una squisitezza…