Pranzi e cene gustosi anche senza carne…un po’ vegetariani !

Se pensi che carne o pesce siano gli unici ingredienti in grado di regalarti un piatto  appetitoso e ricco, ti ricrederai: alcune volte infatti delle semplici verdure sono tutto quello che ti serve. Potrai servire ai tuoi ospiti barchette di melanzane o zucchine ripiene vegetariane, polpette di legumi, frittate e omelette con l’aggiunta di spinaci, funghi e filante mozzarella. Oppure,  insalate capresi agli ortaggi, parmigiane rosse o bianche e torte salate sfiziose e fragranti. Non solo: potrai anche realizzare gli hamburger vegetariani e altri piatti vegetariani invernali, come lo strudel salato o gli sformatini di verdure gratinate. Non devi rinunciare al gusto per il tuo menu senza carne: metti alla prova la tua abilità in cucina e sperimenta le tutte le ricette vegetariane che vuoi.

Esaltare gusti e colori

Esaltare i colori, ingolosire il commensale ancora prima dell’assaggio puntando sulle tonalità naturali della verdura. Chi non vorrebbe suscitare questo effetto? Se la ricetta dell’insalata è servita nel barattolo, potrete stare certi di riuscire a stupire. Con il barattolo si possono preparare porzioni piccole e portatili e consumare il pasto anche in spiaggia o in luoghi dove non sempre ci si può sedere comodamente per utilizzare forchetta e coltello. Se il pranzo è take away, il contenitore può essere sigillato con i coperchi riutilizzabili; oggetti che occupano poco spazio e proteggono l’insalata dalla contaminazione con fattori esterni Se l’obiettivo è puntare sull’esaltazione dei colori, una buona idea per riuscirci è utilizzare grandi piatti piani e rettangolari. Funzionano benissimo come sfondo; così come vanno bene materiali diversi dalla ceramica che aggiungono spessore e carattere. Vi consigliamo le fatture in ardesia o le realizzazioni in legno che con le loro venature richiamano subito la natura e i suoi frutti.

Antipasti su vassoi che fanno la differenza

Un rinfresco di sandwich, un buffet di salumi o una selezione dei più graziosi petit four, servire il tuo cibo diventa una vera occasione con il vassoio-piatto da portata in ardesia Con la sua lucente finitura naturale e le robuste maniglie in metallo spazzolato, è il pezzo perfetto per cene e buffet. Realizzato in ardesia di alta qualità e rifinito a mano da sapienti artigiani, questo piatto rettangolare nero è sicuro per gli alimenti. Le sue dimensioni ti permettono di servire grandi quantità di antipasti, formaggi, frutta, tartine e dessert direttamente dalla sua superficie. La superficie fredda dell’ardesia aiuta a prevenire il deterioramento di cibi refrigerati. Questo è particolarmente utile se stai servendo una selezione di petit four complessi o formaggi. Questo vassoio in ardesia ha due robuste maniglie in metallo spazzolato, che lo rendono davvero facile da trasportare dalla cucina alla tavola. È ottimo per servire antipasti o secondi piatti. Se intrattieni gli ospiti a cena o festeggi un’occasione speciale in famiglia, fai in modo che “lasciare il segno” I vassoi in ardesia ti aiuteranno a fare la differenza  Perfetto anche da regalare agli amanti della buona cucina che conosci. Acquistalo da www.ferrinigift.it

Accessori che fanno la differenza

Dopo aver scelto una bella cucina potete anche completare l’arredo con tanti bei complementi, che siano decorativi ma anche funzionali, che si abbinino per stile e colori. Dal classico al moderno, fino all’etnico. Se volete andare sul sicuro non fatevi sfuggire gli essenziali che ogni giorno userete per un pensiero dolce, un piccolo incoraggiamento quotidiano, un monito che ruba un sorriso: è proprio sulle cose che ci capita di utilizzare più spesso che abbiamo deciso di riassumere in parole una carica di positività che ci aiuterà anche nelle giornate più dure.

Come pulire il piano cottura a induzione.

Come pulire il piano cottura a induzione. Prima di tutto adottate sempre le best practices, cioè di pulire il piano dopo ogni utilizzo, di usare sempre pentole con un fondo pulite e di non trascinarle mai sulle piastre. In questo caso per un pulizia ordinaria è sufficiente dell’acqua, un panno morbido o una spugnetta non abrasiva da passare sulle zone interessate e asciugando alla fine con un po’ di carta o un canovaccio pulito. Per rimuovere invece macchie di grasso e olio ricorrete a del detersivo delicato, come quello per i piatti, una spugnetta inumidita e strofinate delicatamente. Al termine risciacquate con un panno umido e asciugate. Per macchie più tenaci vi consigliamo di utilizzare invece l’apposito raschietto per il vetro in dotazione, insieme ad una soluzione di aceto e bicarbonato, da applicare e lasciare agire per qualche minuto. Evitate anche in questo caso oggetti ruvidi che graffierebbero la superficie.

Aglio quante proprietà

Sono davvero molte le proprietà terapeutiche dell’aglio utili anche se c’è qualche chilo in più da eliminare: regola la pressione sanguigna, è un antibiotico naturale contro le infezioni gastrointestinali che fanno aumentare e accrescere il girovita, è in grado di diminuire i livelli di colesterolo e trigliceridi nel sangue e ha un’azione ripulente e detossinante sul fegato e l’apparato digestivo in genere. L’aglio è una pianta coltivata bulbosa, assegnata tradizionalmente alla famiglia delle Liliaceae, ma che la recente classificazione APG III attribuisce alle Amaryllidaceae .Tipico stuzzichino piemontese d’altri tempi è la così chiamata “soma d’aj” ovvero una fetta di pane stropicciata con aglio un goccio d’olio e una presa di sale. Era “il pranzo” dei vendemmiatori ed era accompagnata da un grappolo d’uva nera: sveglia l’intestino ed è antiossidante e brucia i grassi. Se la cosa che vi preoccupa nel mangiare aglio è il vostro alito, non preoccupatevi, per ripulirlo dopo un pasto con aglio basta masticare una foglia di salvia, una fogliolina di menta, un chicco di caffè o dei semini di anice

Le origini del caffè

Intorno all’anno mille alcuni mercanti arabi portarono dai loro viaggi in Africa dei chicchi scuri da cui traevano una bevanda eccitante che chiamavano qahwa. Da qui alla parola turca kahve e all’italiano caffè il passo è stato breve. Ma c’è chi sostiene che il nome in realtà derivi da Caffa, regione dell’Etiopia dove la pianta del caffè cresce naturalmente. Il paese dove si consuma più caffè è la Finlandia, con 12 kg l’anno pro-capite. Mentre quello dove se ne consuma meno è Portorico, con 400 grammi di caffè a testa. La media di consumo mondiale è di 1,3 kg all’anno per persona. Sebbene 6 miliardi di espressi consumati in un anno, un volume d’affari di 6,6 miliardi di euro e un consumo di 47 milioni di chilogrammi di miscela, l’Italia è solo dodicesima in classifica, con 5,9 kg di caffè pro-capite. Ecco un intero post dedicato a questa miracolosa bevanda per raccontare le sue origini, ma, forse, questi dati spiegano perché il nostro Paese non riesce proprio a svegliarsi

Muffi al cioccolato e arancia

Muffin al cioccolato e arancia, ecco la ricetta per prepararli senza burro e senza pirottini, da cuocere e servire direttamente nelle bucce. Dolcetti soffici e sfiziosi di, sono perfetti per la merenda o per la prima colazione del mattino. Questi muffin permettono di utilizzare tutta l’arancia, senza sprechi oltre a conferire un tocco di originalità che piacerà di sicuro a grandi e piccini. Ingredienti per 6 muffin3 arance,12 gr di polpa di arancia,1 uovo,80 gr di zucchero di canna,130 gr di farina 110 gr cacao amaro,1/2 bustina di lievito per dolci. Ecco come preparare i muffin arancia e cioccolato: procedimento. Tagliare a metà le arance e spremere il succo con uno spremiagrumi; porre i gusci delle arance nello stampo per muffin, mettere in una ciotola capiente l’uovo sgusciato e mescolarlo con il succo e la polpa di arancia, incorporare anche lo zucchero e a seguire la farina, il cacao e il lievito, mescolare con una frusta per sciogliere eventuali grumi e versare il composto nelle bucce d’arancia riempendoli per tre quarti della loro capacità, infornare in forno caldo e cuocere a 180° per circa venti minuti, a cottura ultimata sfornare e far raffreddare su una gratella, gustateli tiepidi o freddi accompagnati da una tazza di thè o latte o dopo pranzo o cena come dessert

Accessori da buffet: come usarli e cosa preparare per una cena al top

Per una cena particolare in compagnia di colleghi famigliari o amici ti diamo qualche idea per utilizzare bicchierini, taglieri e ciotoline nel migliore dei modi per la  preparazione per stupire gli ospiti con soluzioni semplici.  Bicchierini di vetro: sfrutta la loro trasparenza per giocare con i colori e la loro profondità, per raccogliere zuppe e vellutate o mantenere in piedi piccoli spiedini. Riempili con: vellutate e zuppe con frutta secca o crostini in superficie, mousse dolci stratificate e panne cotte; zuppe inglesi e tiramisù di ogni genere, spiedini di carne, pesce o frutta; ciotoline in porcellana: in genere meno profonde dei bicchierini, possono essere usate per servire salse di completamento. Riempile con: salsa tartara o una salsa cocktail accanto a ciotolino con mini-spiedini di pesce o di carne; oppure con crema al cioccolato o pasticcera accanto a ciotolino di macedonia;barattolini ermetici: carini per servire primi, secondi e dessert, sono perfetti anche per cucinare in vasocottura sistemando al loro interno ingredienti che cuociono rapidamente, per poi lasciarli andare una ventina di minuti a bagnomaria. Riempili con: insalate di riso e di pasta, spezzatini di carne e di pesce, verdure ripassate, tortini dolci e salati; taglieri e vassoi: usali come base di bicchierini e ciotoline per spostarli più agevolmente, ma anche per decorare la tavola. Riempili con: pane, affettati, tramezzini, cubetti di focaccia e formaggi di ogni stagionatura il risultato è garantito!