Sorridere è contagioso e non costa niente

Sorridere è contagioso e non costa nulla. Grazie al sorriso, e non solo, la felicità è più contagiosa della negatività. Lo è sia nella vita quotidiana che sul web. Quando vi sedete su una comoda poltrona e aprite il giornale,o quando sotto il sole in immersi nel verde del vostro giardino andate a leggere notizie sul vostro telefono risulta essere più costruttivo leggerne  una buona che  una negativa. Ecco perché amiamo così tanto darvi delle buone notizie su ciò che succede nel mondo. Vorremmo solo sentire parlare di tragedie, di guerra e di morte? Parlarne è importante perché non possiamo nascondere ciò che succede di negativo nel mondo. Sia la negatività e la sofferenza che la felicità e la positività fanno parte del nostro mondo e della nostra vita. Quindi pensiamo che, oltre alle notizie negative, sia importante diffondere delle notizie positive che possano ridarci speranza nell’umanità. I ricercatori ora confermano che le buone notizie sono importanti e che hanno un impatto positivo su chi le legge. In un nuovo studio della University of Pennsylvania i ricercatori hanno monitorato 7000 articoli pubblicati  nel corso di tre mesi e hanno scoperto che le storie che si concentravano su buone notizie erano più lette e condivise online rispetto alle notizie negative. Inoltre, secondo i ricercatori dell’Università di Tubingen, chi legge notizie positive è più propenso a condividerle e in questo modo contribuisce a diffondere felicità. Anche le notizie negative tendono a diffondersi e ad essere condivise in questo modo, ma secondo gli esperti le persone di solito preferiscono leggere, condividere e diffondere buone notizie. Condividere buone notizie è un semplice passo per rendere il mondo migliore e per ispirare gli altri ad entrare in azione compiendo qualcosa di positivo. Quando leggiamo una buona notizia, dunque, condividiamola tra i nostri contatti e spargiamo la voce. La felicità è più contagiosa della negatività: questa è davvero una buona notizia. Ci aiutate a condividerla?

Le tradizioni…

Servire i dolci estraendoli dalla credenza che avete  preparato per la colazione, riporta indietro con la memoria e fa tornare un po’ bambini, le credenze sono luoghi perfetti per biscotti e crostate, quando poi li mettete in tavola è sufficiente coprirli con una campana di vetro saranno ben conservati e protetti anche se  decidete di godervi queste prelibatezze su un terrazzo o in giardino insieme alla vostra famiglia

La tavola di pasqua come decorarla

La tavola del pranzo di Pasqua in tempo così particolare di coronavirus può diventare una vera e propria tela in cui ‘dipingere’ la primavera tutta e i simboli festivi in particolare, quest’anno più che mai che saremmo costretti a festeggiarla in casa per alcuni, lontano da nonni figli e amici. Quest’anno non possono mancare i simboli della Pasqua per eccellenza, ovvero le uova colorate. Potete per esempio dipingerle tono su tono rispetto, oppure optare per uova variopinte, magari attribuendo ad ogni commensale  un segnaposto con l’uovo del colore corrispondente. Ma un’idea potrebbe essere quella utilizzate dello smalto per unghie per colorarle, facendo colare dosi abbondanti di tonalità diverse sul guscio in modo che una volta essiccato l’effetto sia quasi ‘marmorizzato’. Potete scegliere di riunire le uova in un unico piatto come centrotavola, distribuirle qui e là sul tavolo, assegnarne una ad ogni posto tavola.Ma le uova si possono utilizzare anche in altri modi, meno scontati, come ad esempio svuotandole ed utilizzandole per preparazioni culinarie rompendone il guscio solo in cima, in modo che l’uovo rimanga perlopiù intatto, e usandolo come piccolo vaso in cui mettere acqua ed un fiore. Potete posizionare una confezione da 4 o da 6 a centro tavola, oppure mettere ognuno in un porta uovo a commensale. Anche i fiori sono un ottimo elemento decorativo, e oltre a metterne un grande mazzo a centrotavola, potete creare dei segnaposto mettendo un vasettino con dell’acqua di fronte ad ogni posto con un fiore che galleggia dentro, magari una bella narcisi colorati. Ma oltre ai bouquet floreali, perché non pensare alla verdura come elemento decorativo? Prendete per esempio un bel mazzo di carote con il loro ciuffo e mettetele in un vaso trasparente, arricchite da grosse margherite. Oppure un grande mazzo di cime di rapa, inframezzate da fiori colorati, o di carciofi. Ancora, pulite e asciugate bene un ravanello rosso, o una carota, e legatela al tovagliolo con dello spago  per un originale segnaposto che si potrà consumare come antipasto.

Musei on line ? Che grande idea!

Musei online? Che grande idea! In questi giorni che vorresti girare il mondo ma sei impossibilitato a farlo a causa del coronavirus che ci tiene ancora inchiodati a casa, comodamente sdraiato o seduto sul tuo divano di casa ti suggeriamo l’opportunità di visitare musei e scoprire opere d’arte. Questa lista è perfetta per te. Potrai entrare gratuitamente nei  musei più spettacolari del mondo senza dover muoverti da casa.  Ti basta una connessione internet per trascorrere il tuo tempo libero tra capolavori artistici e pezzi di storia, rilassandoti ma senza dimenticarti di continuare ad imparare cose nuove quotidianamente. Con la sua grande collezione di opere importanti, i Musei Vaticani ti danno l’opportunità di fare un tour a 360gradi di meravigliose opere tra cui il soffitto della Cappella Sistina. Galleria degli Uffizi a Firenze In un click puoi entrare in uno dei musei online più importanti d’Italia. Immagini ad alta definizione per un tour virtuale che ti darà l’occasione di riscoprire i migliori capolavori artistici, dalle opere di Botticelli fino a Cimabue. Museo Archeologico, Bolzano  Adesso l’«Iceman Database» del Museo Archeologico di Bolzano è disponibile online. Tantissime informazioni relative all’Uomo venuto dal ghiaccio sono adesso reperibili sul sito web. Adatto per piccoli curiosi, ma anche per un pubblico più esperto in materia. Museo Egizio, Torino Il direttore Christian Greco conduce su Facebook alcuni videotour per spiegare ogni oggetto della prestigiosa collezione del Museo Egizio di Torino. Dal sito, inoltre, è possibile anche dare un’occhiata alle sale ristrutturate. Natural History Museum Il Museo di storia naturale è uno dei più importanti in Gran Bretagna e rappresenta una delle maggiori attrazioni non solo per i turisti, ma anche per la popolazione locale. Perditi nei lunghi corridoi e nei grandi spazi di questo stupendo museo. All’entrata, avrai la fortuna di incontrare il famoso Dippy, il dinosauro più famoso di Londra.

Fagottini con la ricotta

Adesso che avete più tempo siete pronti per qualcosa di un po’ più elaborato? Vi proponiamo allora due ricette di fragranti fagottini farciti con la ricotta e altri ingredienti, che, a seconda di come li presentiate, possono andar bene sia per delle occasioni formali che informali.I fagottini ai broccoli e ricotta sono un antipasto particolare da preparare in largo anticipo e cuocere in forno al bisogno. Per 10-12 fagottini servono: 500 g di broccoli, 400 g di ricotta, una salsiccia, un tuorlo 500 g di pasta sfoglia, 30 g di burro, un pizzico di sale e di pepe. Cominciate a mondare i broccoli, tagliando le cimette, lavandole per poi lessarle in acqua bollente salata per 15 minuti. Scolateli e spezzettateli. In una padella sciogliete il burro e fate rosolare la salsiccia sbriciolata. Sfumate con 150 ml di vino bianco, aggiungete i broccoletti e fateli insaporire per 5 minuti. In una ciotola invece pepate, salate la ricotta e montatela con una frusta. Unite il composto di broccoli e salsiccia e mescolate tutti gli ingredienti. Stendete due rotoli di pasta sfoglia su due teglie rivestite con carta da forno e tagliateli in sei quadrati. Distribuitevi al centro il ripieno e chiudete il quadrato a fagottino, sigillando gli angoli al centro. Spennellate i fagottini con il tuorlo sbattuto e cuoceteli in forno a 180° per 25 minuti. Sfornate e servite i fagottini in tavola caldi.Insoliti sono pure i fagottini di pasta filo ripieni di ricotta, serviti come antipasto in un letto di giardiniera, per una cena formale. Per prepararli mettete 250 g di ricotta in una ciotola e lavoratela con un cucchiaio di scamorza grattugiata, un pizzico di sale e di pepe. Aggiungete 5 pomodorini secchi, fatti prima sgocciolare e tritati, e cercate di amalgamare il più possibile. Su una spianatoia stendete 5 fogli di pasta fillo, disponendoli uno sopra l’altro. Irrorate con un filo d’olio tra un foglio e l’altro. Tagliate la pasta in piccoli quadrati e mettete al centro un cucchiaio di ripieno. Chiudete a fagottino e appiccicate i bordi tra di loro. Trasferite le vostre creazioni su una teglia rivestita con carta da forno e cuocete per 15 minuti a 180°.

Michel Nostredame meglio conosciuto come Nostradamus

Michel Nostredame conosciuto da tutti come Nostradamus era nato in Francia 1503 diventò medico e successivamente  si dedicò alla scrittura delle profezie. Molti ora sostengono che fosse un vero profeta, avendo predetto correttamente molti eventi accaduti dopo la sua morte, come la Rivoluzione Francese, il grande incendio di Londra, la prima guerra mondiale, l’ascesa di Hitler e Napoleone e anche i più recenti attacchi dell’11 settembre. Ed ora nella psicosi generale che indubbiamente cerca risposta, rispunta anche una sua profezia per quanto riguarda il Coronavirus. Nella quartina si legge: La grande peste nella città marittima non cesserà prima che morte sarà vendicata del giusto sangue per preso condannato innocente, della grande dama per simulato oltraggio”. Ovviamente a leggerla così l’unica parola che si potrebbe legare al Coronavirus, è quella di “peste”, ma ovviamente la traduzione da parte di chi sa “leggere” e interpretare queste quartine aderisce esattamente ai fatti che stanno sconvolgendo il mondo a causa di questo misterioso virus che provoca polmoniti mortali. Si parla di città marittima, ma Whuan è una cittadina che non sfocia sul mare, però chi ha tradotto questa quartina, associa “la città marittima” al fatto che il virus sia partito dal “mercato del pesce” della città cinese. Si sostiene anche che “la grande signora che viene menzionata, potrebbe essere l’ex ministro della sanità cinese Wu Yi, che era stato precedentemente nominato per affrontare il virus della SARS a prescindere dal fatto che le previsioni vengano sfruttate in maniera illusoria, la verità è che tutto ciò è molto inquietante. I seguaci credono fermamente che questo nuovo virus simile alla SARS sia una delle previsioni più spaventose fatte da Nostradamus, poiché sempre più persone sono colpite da questa piaga. Ma se fino a qui vi siete preoccupati, potete stare tranquilli, perché per il 2020 le previsioni di Nostradamus sono anche peggio.Viene infatti predetto anche il tentato assassinio di Donald Trump, una guerra in medio oriente,e le tensioni tra Iran e Stati Uniti non promettono bene ed infine anche un riferimento ad una nuova piaga oltre ad uno riconducibile a Papa Francesco come si legge nel seguente passaggio. Uno che né la peste, né l’acciaio sapevano come finire. La morte sulla cima delle colline colpita dal cielo: L’abate morirà quando vedrà la rovina. Quelli del relitto che desiderano afferrare la roccia. Per concludere nel migliore dei modi non dimentichiamo le previsioni sul cambiamento climatico, Il re rinuncerà alle foresta, il cielo si aprirà e i campi bruceranno per il calore”. Una frase che potrebbe profetizzare la distruzione della foresta amazzonica e l’assottigliamento dello strato di ozono..

 

Vasi per ogni occasione

La passione per i fiori e le piante accomuna tante persone: chi ama la natura non può resistere ad arricchire con tante sfumature di verde il giardino, la veranda o l’appartamento. Per far crescere bene ogni piantina o per accogliere un bouquet fiorito, la scelta dei giusti vasi è fondamentale e va valutata partendo proprio dai mobili e dai complementi d’arredo già presenti, sia negli interni che negli esterni.