Come pulire i mobili in vimini

I mobili in vimini sono facili da spostare e ideali sia per interni che per esterni delle case. Come per qualsiasi tipo di arredamento, anche i mobili di vimini devono essere puliti per farli durare nel tempo.Come sapete, i mobili in vimini naturale sono consigliati per arredamenti da interno, perché il sole e l’umidità, tendono a rovinare questo tipo di arredamento, invece, l’arredamento in vimini resina è raccomandato per gli esterni, in quanto resiste meglio agli agenti atmosferici. La pulizia del vimini è molto semplice e può essere fatta con prodotti già presenti nelle vostre case, allora, vediamo come si puliscono i mobili in vimini. Cosa ci occorre Panno pulito aspirapolvere detersivo per i piatti spugna candeggina ventilatore Spazzolino vecchio Vediamo come fare per pulire il vimini Iniziamo utilizzando un panno pulito per rimuovere tutta la polvere presente sui mobili, per pulire meglio, utilizzate l’aspirapolvere con la spazzola, in modo da rimuovere tutta la polvere e i detriti. Mescoliamo il detersivo per piatti con dell’acqua calda in modo che si formi la schiuma, quindi prendendo la schiuma con una spugnetta, puliamo delicatamente i mobili di vimini, aiutandoci con un vecchio spazzolino negli angoli più difficili. Per rimuovere la muffa dai mobili, mescoliamo una soluzione formata 50/50 di acqua e candeggina, e quindi applichiamola con una piccola spazzola. Dopo qualche minuto, risciacquiamo la zona con un panno umido. Posizioniamo i mobili all’aperto in una zona ombreggiata e facciamoli asciugare completamente, se lasciamo i mobili di vimini in un luogo chiuso, possiamo utilizzare un ventilatore oscillante per far circolare l’aria intorno i mobili in modo da accelerare l’asciugatura.

Elimina gli odori e rinfresca la tua casa

Ci sono odori che, proprio come degli ospiti sgraditi, non vogliono saperne di sparire da casa tua. Le cause possono essere molteplici: un cane che ama rotolarsi nelle pozzanghere, un fumatore incallito in famiglia o magari qualche ardito esperimento culinario in cucina. Certo, aprire le finestre e arieggiare gli ambienti è sempre una buona idea, ma esistono soluzioni più efficaci per neutralizzare i cattivi odori dentro casa tua.Elimina il problema alla radice Se vuoi sbarazzarti dell’odore persistente del fumo di sigaretta, pulisci tutti gli oggetti che possono averlo assorbito. Metti in lavastoviglie o in lavatrice tutto ciò che è lavabile e passa l’aspirapolvere ovunque, cambiando sacchetto e filtri una volta finito. Anche gli specchi e le cornici vanno puliti a fondo: su di essi può infatti formarsi nel tempo una sottile patina di sporco che contribuisce alla persistenza del cattivo odore. Per sconfiggere gli odori sgradevoli, è necessario pulire la casa regolarmente. Può sembrare banale, eppure è l’unico sistema per impedire l’accumulo di cattivi odori. Una volta stabilita la tua routine di pulizia, è semplice mantenere la casa meravigliosamente profumata di fresco. Per una freschezza continua e costante, usa un diffusore, un deodorante per ambienti, che elimina gli odori e diffonde un meraviglioso profumo in tutta la casa successivamente colloca un bel vaso di fiori profumati che oltre ad emanare un gran bel profumo creeranno  un’atmosfera piacevole e accogliente per tutta la famiglia.

La tendenza green del momento

Se hai fallito miseramente il compito di prenderti cura di piante e fiori cactus compreso non disperare. Esiste una soluzione anche per chi non ha il pollice verde né tempo da dedicare a un angolo di natura in casa. I terrarium, ovvero paesaggi in miniatura ricreati sotto vetro. Un ecosistema che non appassisce, si innaffia una volta l’anno e la potatura è necessaria solo occasionalmente. Sono i segreti del successo di queste installazioni vegetali, una valida alternativa alle classiche piante d’appartamento con la differenza che i piccoli mondi naturali in bottiglia sono autonomi, per cui li guardiamo crescere senza fare quasi nulla. Come è possibile? Durante il giorno attraverso la fotosintesi le piante producono ossigeno, mentre di notte la condensa cola sul terreno mantenendo la giusta umidità. La scelta del contenitore trasparente oltre a permettere il passaggio dei raggi del sole ai fini della funzione clorofilliana, permette di vedere all’interno del vaso il che ci permetterà di utilizzare il nostro terrarium come un vero e proprio elemento di arredo e collocandolo su un tavolo al centro della cucina a mo’ di centrotavola o su una mensola in bagno per rendere più accogliente l’ambiente, o addirittura appenderli. Per questo è consigliabile scegliere piante di diversa altezza che creino movimento nella composizione. Potremo, inoltre aggiungere elementi decorativi come piccoli personaggi,sassi, sfere colorate, muschi o sabbie. Insomma, liberate la fantasia e create il vostro

Vasca da bagno colorala di rosa

Vuoi un bagno romantico e alla moda? La pittura murale e lo smalto sono facili da applicare.Chi sceglie una vasca rétro da centro stanza ha un’indole sicuramente romantica, perché allora non accentuare il tutto con i colori Rose Quartz e Azzurro Serenity?!Se hai ereditato oppure scovato da un rigattiere la tua vasca del cuore, è probabile che abbia perso lo smalto originale. Per l’interno usa uno prodotto specifico, ma per l’esterno puoi sbizzarrirti con gli smalti pronti, oppure chiedere uno smalto preparato al tintometro in un centro fai da te. Naturalmente puoi uscire dall’area dei toni confetto, e orientarti sul giallo o il verde, perfino sul porpora o il viola; immancabili anche le tinte più neutre, ma sempre trendy. In nuance o in contrasto per il duo vasca/pareti. Le pitture murali, hanno un effetto vellutato e opaco; sono pronte all’uso, adatte alle pareti interne e basta passarne una sola mano.Gli smalti pronti, sono adatti per superfici in metallo, legno e muratura.

Tendenze casa 2018

Per questo nuovo anno tra le tendenze cucina 2018 ritroviamo lo stile classico-moderno. Si tratta di un mood che propone arredi dal chiaro aspetto retrò ma caratterizzati da finiture e forme contemporanee. I colori da preferire sono indubbiamente quelli chiari. Le ante saranno laccate ma opache, non più lucide, mentre le tinte più forti, come rosso e azzurro, saranno, almeno per il momento, accantonate. Le tendenze che riguardano il soggiorno privilegiano uno stile urban da un lato e accogliente e familiare dall’altro. Chi preferisce un tocco più freddo e deciso, tipico delle cities, si lascerà conquistare nuovamente dalle atmosfere industriali. Chi invece ha uno spirito più romantico e adora lasciarsi cullare da imbottiti senza tempo e un ambiente con caminetto, non potrà fare a meno di scegliere dell’arredamento formal chic. Il salotto sarà particolarmente interessato dai nuovi colori arredamento per questo anno è l’ultra violet, che si sposa alla perfezione con gli imbottiti, come divani e poltrone. Potete comunque aggiungere un tocco personale ai mobili e altri arredi presenti, magari inserendo complementi e anche dei vasi: Per quanto riguarda le tendenze e l’arredamento bagno  di sicuro qui tutti potranno trovare il proprio stile. Da un lato abbiamo proposte dal tocco più classico,. Dall’altro, invece, ritroviamo lo stile più contemporaneo e freddo, che veste il bagno in chiave asettica, ricordando in parte quelli degli hotel.Quali accessori sono in linea con le tendenze interior design 2018? Tutti quelli che daranno un tocco di brio e di colore alla propria dimora. Ciò che davvero conta è che si sposino bene con l’ambiente circostante. Inserite delle decorazioni a parete, dai quadri agli specchi. La luce svolge sempre un ruolo fondamentale all’interno della propria casa. Bisogna scegliere con attenzione le fonti luminose più adeguate e non bisogna mai lesinare. Puntate su lampadari e su tutto ciò che dia luce e regalino un’atmosfera davvero unica.. Non dimenticate quelle da tavolo, Anche per quest’anno per quanto riguarda la camera da letto 2018 vi suggeriamo di acquistare letti con testate importanti. Possono essere in pelle o rivestite in tessuto, ma possono essere anche realizzate a mano o acquistate a parte..

 

 

Decorare la casa con fiori finti

I fiori finti sono l’ultima spiaggia di chi ama i fiori ma proprio non riesce a far sopravvivere nemmeno il basilico eppure anche i fiori finti possono diventare un prezioso elemento per  decorare la casa. La prima regola è non utilizzarli come fossero dei fiori veri cercate di godervi il lato più creativo dei fiori finti: non richiedono acqua, luce o terra! Un’idea davvero originale è creare qualcosa che vivacizzi il vostro ambiente, posizionateli in  un vaso di vetro  Inseriteci  i fiori con lo stelo intero, posizionando sul fondo un po’ di sassolini,  riusciranno a vivacizzare la vostra casa spendendo davvero pochi soldi!

Piante in verticale

Non sempre chi è un amante delle piante ha la possibilità di dare libero sfogo alla creatività a causa delle dimensioni ridotte della propria abitazione: da un po’ di tempo però sono state ideate alcune soluzioni alternative ideali per arredare casa in verticale. Non bisogna fare altro che scegliere le piante più adatte e sbizzarrirsi con la propria fantasia. La coltura verticale può essere realizzata in modo piuttosto semplice ed economico, sfruttando le pareti di balconi e terrazzi, ma anche i muri interni della abitazione, creando così piccole oasi verdi che regalano un’atmosfera unica ed elegante alla casa, diventando a tutti gli effetti complementi d’arredo. Il primo consiglio consiste nell’utilizzare vasi, che possono essere tondi, quadrati o rettangolari, di dimensioni dal più grande al più piccolo, e impilarli insieme stile piramide: questo tipo di allestimento è ideale per il terrazzo. Chi non ha paura di osare può realizzarlo anche in cucina, scegliendo le piante aromatiche come timo, rosmarino e salvia: l’impatto visivo è sorprendente. Per il bagno invece è consigliabile appendere dei vasi pendenti, che possono essere di latta così  da non pesare troppo, e inserire al loro interno delle piantine grasse, che richiedono poca manutenzione: in questo modo l’effetto giardino è garantito senza rubare troppo spazio ai complementi d’arredo. Per il salotto invece è opportuno servirsi di  cassette di legno da appendere alla parete magari anche in modo asimmetrico: per scegliere il tipo di pianta da sistemare nelle cassette, servono piante con un fogliame molto abbondante, come la dracena o la felce. Chi invece preferisce un tocco di minimalismo e di colore può affidarsi alla classica orchidea: in natura gode dell’umidità delle foreste tropicali, quindi si trova benissimo in ambienti umidi come il bagno. Infine, chi dispone di un balcone, può utilizzare un semplice traliccio in legno che aumenterà decisamente lo spazio disponibile alla coltivazione, creando anche una zona d’ombra. Come gli allestimenti in rete, i tralicci sono perfetti per tutte le specie di piante rampicanti, come il ficus pumila e il pothos che può avere foglie variegate di giallo, bianco, crema o oro.