Cioccolato che passione

I cioccolatini fatti in casa sono un’ottima idea sono molto semplici, si possono personalizzare e non è necessario acquistare ingredienti o accessori costosi, basterà solo uno stampo e potete prenderlo in silicone oppure in policarbonato. Per fare i cioccolatini dovete sciogliere circa 200 gr di cioccolato a bagnomaria o nel microonde, poi lo mettete negli stampini, coprendo il fondo e i bordi, magari aiutandovi con un pennello da cucina, poi mettete lo stampo in frigo per farlo solidificare. Per il ripieno potete usare della crema spalmabile a vostra scelta oppure preparare una ganache bianca, o con il cioccolato fondente, usando 150 ml di panna e 150 gr di cioccolato. Fate sobbollire la panna, spegnete il fuoco e mettete il cioccolato tritato, mescolate bene e poi fate raffreddare completamente. Potete mescolare a questa crema anche frutta secca, wafer tritati e quello che vi piace. Dividete il ripieno nei cioccolatini e poi li “chiudete” con un altro strato di cioccolato fuso, livellate bene il fondo e poi fate raffreddare i cioccolatini in frigo. Conservateli in appositi contenitori pronti da offrire a chi verrà a trovarvi

Parole che fanno bene a se stesse e agli altri

A volte alcuni trucchi per migliorarsi la vita sono sotto gli occhi di tutti. O meglio sulla punta della lingua. Troppo spesso ormai ci ritroviamo a lamentarci con le amiche o da soli, o nella nostra testa, per come il dialogo in famiglia sia ridotto a monosillabi, frasi appena abbozzate, parole che diventano ordini… Abbiamo perso quel gioco ironico e affettuoso tipico di una piccola e preziosissima comunità, fatto di quel lessico familiare così importante: sarà la mancanza di tempo, la stanchezza, gli avvenimenti, le cose inutili i telefoni,che ci distraggono. Probabilmente siamo noi i primi  a innescare questo meccanismo le  donne, in particolar modo  si sa, sono le amministratrici della famiglia . Navigando su internet ci sono analisi scientifiche di questo tipo di problematiche, trattate in modo molto più semplice. L’uovo di Colombo sta nel ripristinare e utilizzare nella nostra vita delle semplici parole o frasi che sembrano ormai cadute in disuso o date per scontate, soprattutto tra intimi, parenti e persino amici. Ecco un breve elenco. Cosa c’è di più semplice che dire:”grazie”, “prego”, “posso aiutarti, posso fare qualche cosa per te?”, “buonanotte”.Ma anche:”puoi darmi una mano?”, “sono troppo presa o preso”, “non posso” o semplicemente “no”. Senza dimenticare: “scusa”, “ti sono molto grata per…”, “che bello!”, che suona molto meglio di un “va bene” gettato là. Riflettendoci  sopra l’unica cosa da fare è provare e vedere cosa succede. Non ci crederete, ma il  perdere quell’aria da super woman  o superman  e rivolgersi ai con un sorriso e una frase in cui ammettiamo la nostra stanchezza o dimostrare la gratitudine per qualcosa che hanno fatto è come usare la bacchetta magica. I figli, a turno, ogni sera si offriranno di svuotare il cestino e andare a buttare il sacco della spazzatura, e vostro marito ricomincerà persino a darvi il bacio della buonanotte…e nel caso non lo faccia da subito…fatelo voi!

Cambiare idea fa bene, a volte benissimo

Essere molto puntigliosi e non delle banderuole alla lunga paga…. Ma sarà poi così vero? In fondo anche la coerenza, se eccessiva, è un bel limite. In fondo molte cose succedono indipendentemente da noi e anche se vanno contro ciò che sentiamo o pensiamo, se riusciamo a vederle e inquadrarle in un’altra ottica, non sono poi così male. Basta avere il coraggio cambiare idea. Così facendo, si provano nuove esperienze che altrimenti ci neghiamo da soli Tanto per capirci, facciamo un esempio a chi non è capitato che all’inizio quello che poi sarà diventato vostro marito vi stava un po’ antipatico? O peggio avevate  un opinione negativa perché  troppo diverso da voi.  D’estate amavate  solo il mare. Lui, invece, non sognava che la montagna. Per non parlare dei viaggi: voi, ancora adesso, dopo 25 anni, avete sempre valigie e borse  pronte (idealmente); lui, invece, predilige i “suoi” posti, che sono sempre gli stessi due o tre da 25 anni…! Ma già allora magari vi aveva colpito per la sua allegria, la sua determinazione a stare con voi, anche se voi fuggivate… Alla fine ha vinto lui, vi ha conquistata la solidità dei suoi valori sui quali,  non bisogna cambiare idea! e la sua pazienza infinita. E sicuramente quante cose avrete scoperto e  apprezzato senza fare fatica: anzi, piacevano anche a voi, ma eravate convinte del contrario… Una su tutte: l’estate in montagna, andando per sentieri 15 chilometri al giorno ! O scorrazzando lungo i fiumi in bicicletta ! Con il passare degli anni i chilometri sono diminuiti e magari vi siete comprati la bicicletta a pedalata assistita… Ma sicuramente avrete  delle gambe: praticamente perfette voi che odiavate la bicicletta…cambiare idea a volte conviene….e fa bene

Ti ama?

Pessoa disse: “Cosa vuoi che ti dica oltre a dirti che ti amo, se ciò che ti voglio dire è che ti amo?”. È una bellissima frase, ma è sufficiente che vi dicano di amarvi per avere la sensazione di essere amati?  Sapere di essere amati è meraviglioso. Poche cose al mondo sono belle quanto sentirsi innamorati e ricevere amore. Ebbene, sono sufficienti le parole o esistono altri segnali che ci indicano che la persona che amiamo ci corrisponde? Cominciamo ad elencare una serie di segnali che indicano che il vostro partner vi ama. Ciò nonostante, ricordate che l’amore è pura emozione, sentimento, sensazione… non può sempre essere misurato, quantificato o studiato.Un segnale importante per capire se vi amano è vedere che il vostro partner vuole passare il suo tempo con voi. Quando qualcuno vuole dedicare il suo tempo solo a voi, nonostante i numerosi impegni, sappiate che si tratta di una chiara dichiarazione d’amore. Che sia a lavoro, a casa o passeggiando, questo piccolo sacrificio è un buon indizio per capire di essere amati. Il vostro partner vi domanda spesso com’è andata in ufficio ? Si mostra interessato ai vostri problemi? Vuole sapere come va il lavoro, come sta la vostra famiglia o gli amici? Allora vi ama, perché l’amore non è fatto solo di grandi gesti romantici, ma anche di pratica. A volte abbiamo bisogno di aiuto. Se in quel momento il vostro partner è disposto ad aiutarvi, vuol dire che vi ama. Forse glielo dovrete chiedere o forse sarà lui stesso ad aiutarvi, ma il fatto che vi tenda la sua mano e sia disposto a offrirvi il suo tempo è una chiara prova d’amore. Le prove d’affetto possono essere pratiche, ed andare oltre il romanticismo e la poesia. Devono essere fisiche. Gli abbracci, i baci, lo sfiorarsi… quei piccoli gesti, semplici e quasi impercettibili, sono grandi dimostrazioni d’amore. È palese che quando il nostro partner ci guarda con affetto, ci parla dei primi momenti passati con noi, ci difende e ci fa stare bene, ci sta mostrando un grande amore. Tutte queste sono prove pratiche che ci faranno battere il cuore ci renderanno più felici, giacché ci indicano che stiamo vivendo con la persona giusta.

 

 

Un perfetto pic-nic

Basta poco, una coperta, un prato, un po’ di amici e un cesto pieno di cose buone. Per il resto il bello è proprio che non ci sono regole e si deve improvvisare! Come si organizza un picnic perfetto?
 Non ci sono regole, questo è il bello! Il picnic è un momento per stare insieme, alla famiglia, agli amici, al partner con l’unico obbiettivo di divertirsi, rilassarsi e godere della natura. Non si devono rispettare orari, non si deve apparecchiare la tavola, e non si devono seguire le portate del menù nell’ordine corretto perché un menù vero e proprio non c’è. Ognuno porta qualcosa e si mangia tutti comodamente seduti su una coperta stesa a terra sull’erba. Gli ingredienti immancabili di un picnic sono quindi molto semplici: la natura, gli amici e, possibilmente, una bella giornata di sole. Ma se anche dovesse arrivare la pioggia non bisogna disperarsi. Il bello del picnic è anche questo.Scegliete la vostra meta ideale, che sia mare, campagna, montagna o anche semplicemente un parco cittadino, radunate gli amici e soprattutto, preparate un cestino di cose buone da portare con voi.Cucinate, cose  facili  ottime da mangiare fredde, anche con le mani, l’altra cosa bella del picnic  è che non c’è galateo che regga!

Le lunghe conversazioni con gli amici rendono felici

Vi capita spesso di trovarvi al bar a fare colazione, o per un aperitivo, o a cena in giardino con un gruppo di amici ed instaurare delle conversazioni interessanti e intense? Bene sappiate che tutto questo  sembra essere il nuovo elisir della felicità. Uno studio da poco pubblicato prende in esame la attinenza fra la qualità dei rapporti sociali che teniamo durante la giornata e il peso che questi hanno nella percezione di benessere che proviamo  Gli scienziati dell’Università dell’Arizona sono andati a spiare, attraverso un registratore, le conversazioni di 400 persone. L’apparecchio, che il gruppo campione doveva portare durante tutta la giornata, si accende e registra a caso e a intermittenza le varie discussioni che si hanno nel quotidiano, per raccogliere i momenti più “candidi” e velati di quello che diciamo ai nostri amici e conoscenti. La scelta del campione è stata la più svariata possibile come studenti universitari, adulti divorziati e sopravvissuti ad una malattia grave. Dopo le registrazioni hanno completato dei sondaggi progettati per misurare la loro soddisfazione di vita, oltre a valutare la loro personalità. Non importa se sei timido. Chi fra gli “spiati” ha sostenuto un maggior numero di conversazioni “impegnate” è stato valutato più felice e contento, a prescindere  dal fatto che avesse una personalità  introversa o estroversa. Questo dato ha sorpreso notevolmente “Ci aspettavamo che la personalità potesse fare la differenza, ad esempio che gli estroversi beneficiassero molto di più delle interazioni sociali rispetto agli introversi o che le conversazioni ricche di contenuti  fossero più strettamente legate al benessere per gli introversi che agli estroversi, ma non sembra questo il caso, Gli studiosi comunque avvertono, che se è vero che non c’è stato alcun segno dell’interferenza del “chiacchiericcio” nella qualità o nella percezione di questa nella nostra vita, i discorsi inutili potrebbero essere la base per formare relazioni e rapporti sociali più impegnati, e potrebbero essere alla base della nostra felicità.

Oltre l’amore

Tutti vorremmo incontrare qualcuno i cui impulsi interiori si capiscano con i nostri, qualcuno che abbia la chiave del nostro lucchetto, qualcuno con cui sentirci tanto sicuri da lasciarci aprire senza paura, qualcuno con il quale far risorgere il nostro vero io e con cui essere noi stessi. È meglio dell’amore, perché ognuno scopre una parte dell’altro senza bisogno che siano le parole a interporsi, bensì una vita piena di stabilità. La complicità si raggiunge con quelle persone che ci prendono per non lasciare che ci scivoli dalle mani il presente, mentre si pensa a tutto ciò che ci aspetta. Ci sono sguardi che dicono tutto e un tutto che si riempie di sguardi. Ciò che definiamo complicità è il legame speciale che oltrepassa l’amore, che si fa sommergere da questo e che si comprende. Perché amare non è solo amare, ma anche saper comprendere. Per la complicità non esistono segreti negli sguardi, nei gesti o negli abbracci. Essa è possibile solo con le persone che sanno che, anche se diciamo loro che tutto va bene, riconoscono che non è così. Non sono indovini, ma ci capiscono, oltre le esteriorità e i miraggi. È sufficiente l’aria che si respira per sapere che la congiunzione è pura fantasia, che va oltre un sorriso o uno sguardo saggio. Tra due persone complici si crea un’atmosfera che si trasforma in una fortunata profezia emotiva, che unisce i sentimenti ed i cuori.