21 Giugno è arrivata l’estate

Il 21 giugno quando il nostro orologio segnerà le  06:24 sarà iniziata ufficialmente l’estate, astronomicamente parlando, è iniziata la stagione estiva, che durerà fino al 22 settembre, data del prossimo equinozio d’autunno. Oggi avremo la sera più lunga, cioè il giorno con il maggior numero di ore di luce. Fino ad oggi le giornate sono andate progressivamente allungandosi, da domani in poi andranno accorciandosi fino a culminare nel solstizio invernale. A causa della diversa durata dell’anno solare rispetto a quello del calendario, il momento in cui cade il solstizio varia di anno in anno di circa 6 ore precisamente 5 ore, 48 minuti e 46 secondi: è proprio per evitare eccessivi sfasamenti e recuperare questa differenza che ogni quattro anni il nostro calendario aggiunge un anno bisestile. In questo modo anche l’oscillazione del solstizio è limitata ad un paio di giorni: in Italia il solstizio d’estate si verifica il 20 o il 21 giugno, quest’anno il 21, porta sole mare e tante vacanze e quindi buona estate astronomica a tutti !!!

Il cibo di moda su instagram

Non si sa di preciso grazie a quale combinazione astrale, ma tra tutti i cibi alla moda, questo è il momento dell’avocado. Fino a ieri semplice frutto tropicale dal sapore delicato, oggi l’avocado è celebrato ovunque, con tanto di locali dedicati, all’estero e in Italia, una serie infinita di ricette e addirittura tutorial per pelare il morbido frutto senza finire al Pronto Soccorso con un coltello infilzato nella mano.E oggi, l’ultima perla, ecco a voi l’Avolatte, di cui parla nientemeno che il settimanale americano Newsweek. Avete letto bene, avolatte, brillante combinazione delle parole avocado più latte, nonché  bevanda lanciata a Melbourne, in Australia, ora di gran moda.Tutto nasce da un video su Instagram, in cui il Truman Cafè, un bar della città, impiega una buccia di avocado svuotata per accogliere del caffè latte, coniando l’originalissimo nome di  Avolatte. Il video era  solamente uno scherzo a uso e consumo dei follower, ma la cosa singolare è che dal giorno seguente la sua pubblicazione, qualcuno ha iniziato veramente a richiedere l’Avolatte nei bar di Melborune. In pratica del caffelatte servito in una scorza di avocado destinata alla spazzatura, sembra ridicolo. Ma intanto i clienti continuavano a chiedere l’Avolatte. E a  quel punto il barista lo ha messo in vendita,  allo stesso prezzo di un caffè.Ma dopo aver fiutato il trend, in omaggio al concetto che il cibo deve anche essere divertente, lo stesso barista ha provveduto ad aumentarne prontamente il prezzo. Del resto, nelle principali città australiane continua a spopolare il toast di avocado, spesso venduto a 19 dollari. Ci sono giovani che ordinano purè di avocado con feta sbriciolata su pane tostato ai cinque cereali disposti a pagare fino 22 dollari, e ora, pronti   anche l’Avolatte.

Fidget spinner cos’è

Si chiama fidget spinner, letteralmente “scatto rotante”, ed è una specie di trottola che – grazie a una serie di cuscinetti a sfera – può girare a tutta velocità intorno al suo asse. A cosa serve? Praticamente a nulla, anche se i suoi creatori lo dipingono come un oggetto utile per combattere lo stress, l’ansia, l’iperattività, la stanchezza e che può persino migliorare la concentrazione in tutti quei soggetti con problemi di disturbo evolutivo dell’autocontrollo o autismo. Di fatto è il passatempo più gettonato fra i teen-ager americani, un trastullo che grazie alle moltissime varianti e al costo ridotto, su Amazon lo si trova con prezzi a partire da circa 5-10 euro, è anche un oggetto da collezione. Far girare di continuo lo spinner sta diventando una vera e propria mania fra i ragazzi d’Oltreoceano, tanto da costringere alcune scuole americane a bandirne l’uso. Quello che qualcuno ha già ribattezzato lo yo-yo del terzo millennio è infatti un aggeggio che finisce per distrarre gli studenti. “A parte qualche caso sporadico, i fidget spinner vengono usati solo come un gioco”, un’insegnante di una scuola di Elmhurs, nel Queens, ; gli studenti si sfidano per capire chi riesce a tenerlo in equilibrio su un dito o che riesce a farlo girare più velocemente .Altro che strumento per migliorare la concentrazione, insomma, come scrive ironicamente il Chigaco Tribute, una minaccia per il Paese”.Ciò nonostante c’è chi scommette sull’esplosione mondiale della mania. Molte aziende di giocattoli soprattutto cinesi stanno accelerando i ritmi di produzione. Nella speranza che il fenomeno prenda piede anche fuori dagli Stati Uniti. In Gran Bretagna pare che la moda abbia già attecchito, in Italia sta arrivando e anche  per altri Paesi potrebbe essere solo questione di tempo.

Un brunch per l’week-end

Corriamo tutta la settimana, tra impegni di lavoro, familiari e commissioni varie: ecco perché, durante il week-end, è bello svegliarsi con calma e prendersi un po’ di tempo di relax! Quando ci si sveglia tardi non c’è niente di meglio di un brunch allegro, sostanzioso e semplice da preparare per iniziare bene la giornata da gustarsi comodamente seduti in giardino o sul terrazzo! Il giusto compromesso tra colazione e pranzo Il brunch è il “rito” americano del week-end per eccellenza e ora è molto apprezzato anche da noi in Italia. La parola indica un pasto che sta a metà tra la colazione breakfast e il pranzo Si tratta, quindi, di una serie di piatti sia dolci che salati, che riescono a coccolare come la migliore colazione dolce e dare carica ed energia come un buon pranzo salato, senza appesantire. Visto che il brunch è il perfetto mix tra la sostanziosa colazione all’inglese e la colazione europea, gli appassionati del gusto dolce non potranno rinunciare a una ciotola di deliziosi cereali tostati. I mix di avena, frumento e riso contengono, infatti, tutti gli ingredienti necessari per regalare gusto e benessere. Chi vuole partire al mattino con equilibrio può sceglierli con l’aggiunta di frutta, noce di cocco, banana, papaia, ananas, mela e uva passa mentre chi vuole l’energia giusta per affrontare gli impegni della giornata può assaggiare i mix di cereali che sposano la frutta secca   con le loro infinite proprietà benefiche, per gli amanti del salato eccezionale un uovo alla coque o affrittellato accompagnato da bacon se si vogliono imitare i nostri amici inglesi o da prosciutto cotto e formaggio. La scelta giusta per i più golosi? I fiocchi di cioccolato, che si sciolgono in bocca basterà aggiungere latte fresco o yogurt e la colazione sana e gustosa è pronta!

Ferie in mongolfiera

Sta arrivando l’estate e come di consueto questi sono i giorni che si iniziano a programmare le ferie. Se avete intenzione di vivere un’esperienza magica, allora la Cappadocia è il posto che fa per voi. La Cappadocia è una piccola regione della Turchia centrale e ciò che la rende speciale è la sua  formazione geologica unica al mondo, motivo per cui è dal 1985 sito patrimonio  dell’Umanità dell’UNESCO. Tappa imperdibile se vi trovate in Cappadocia è il giro in mongolfiera, un’esperienza unica al mondo che vi permetterà di vedere questi splendidi paesaggi da un altro, elevato, meraviglioso  punto di vista.Prenotare un viaggio in mongolfiera è semplice: potete farlo direttamente dall’Italia, tramite agenzie di viaggi locali, oppure una volta che vi trovate lì vi basterà andare in una delle tante agenzie organizzate per la trasferta.Il costo non è molto un volo si aggira intorno ai 100-150 euro a testa  ma ne vale assolutamente la pena.  Irrinunciabile è il giro attorno all’antico complesso di abitazioni e monasteri e sopra la valle denominata “La Valle dei Camini e delle Fate”, particolari formazioni laviche a forma di cono dove un tempo si rifugiarono le popolazioni eremite. Il viaggio in mongolfiera si può fare tutto l’anno, ma è sicuramente preferibile in primavera-estate, quando le condizioni meteo sono più miti. Anche se il clima è mite, però, è consigliabile vestirsi pesanti, perchè a quell’altezza non è poi così caldo. La partenza è all’alba e il viaggio dura un’ora circa a 500-600 metri di altezza: da qui adorerete il sole sorgere dietro le montagne, in un cielo limpido e popolato da tante mongolfiere colorate.

Degustatore di olio…fino a 4000 euro al mese

Non limitatevi a definire l’olio solo buono. Se diventerete degli assaggiatori professionisti, muniti dei dovuti titoli di studio e bagaglio d’esperienza, potrete arrivare a farne un lavoro e guadagnare fino a 4mila euro netti al mese. Tanto, infatti, può essere lo stipendio di un assaggiatore di olio professionista assunto in un’azienda olearia. Ma il percorso per giungere a un vero sbocco professionale non è per nulla scontato. In Italia le diverse associazioni di categoria organizzano corsi di tutti i tipi e livelli, da quelli puramente divulgativi a quelli per conseguire l’Idoneità Fisiologica all’assaggio degli oli di oliva vergini. Di che si tratta? Ormai da diversi anni, assaggiare e specializzarsi negli oli è diventata una vera e propria professione riconosciuta dall’Unione europea. Gli assaggiatori professionisti devono seguire dei corsi di formazione e sottoporsi a 20 sedute di analisi sensoriale. Non si diventa assaggiatori di olio di oliva in un giorno, bisogna comunque fare attenzione perché per sviluppare questa professionalità servono anni e anni di assaggio e una cultura vastissima. Basti pensare che solo in Italia abbiamo circa 500 tipologie di oli diversi. Senza contare che l’olio è un prodotto altamente deperibile ed è impossibile costituire una ‘cantina’ come per i vini.

 

25 Aprile Festa della Liberazione

Il 25 Aprile 1945 il popolo italiano insorse contro l’oppressione del nazifascismo e furono liberate le città di Milano e Torino. La Seconda guerra mondiale non era ancora finita, ma in poche settimane gli invasori tedeschi furono scacciati dall’Italia e il regime fascista cessò di esistere. Tutte le città furono salvate grazie alla Resistenza dei partigiani, uomini e donne valorosi e pronti a tutto per liberare il Bel Paese. Sono molti gli Italiani hanno che hanno colto in questa occasione l’opportunità di fare il ponte dedicato alla Festa della Liberazione. Il calendario favorevole ha influenzato il comportamento degli italiani che per l’occasione del 25 aprile hanno così scelto di riposare a casa o con amici, distrarsi con gite fuori porta magari per un pic-nic, all’aria aperta, oppure di recarsi al mare, molto gettonate sono anche la montagna, le città d’arte.