Profumi e intimità

Più del profumo che indossiamo, quello per la casa racconta la nostra intimità. Va scelto con la stessa cura con cui si acquisterebbe un complemento d’arredo. In tempi di reclusione forzata poi, causa l’emergenza sanitaria, tra le mura domestiche le fragranze aiutano a evocare pensieri positivi, rilassano e rendono più piacevole i giorni, meglio le settimane, di clausura. Unico dubbio: abbinare un aroma diverso ad ogni ambiente dell’appartamento, oppure optare per un unica profumazione da vaporizzare nelle diverse stanze. La decisione è personalissima. Tra le pareti l’armonia olfattiva al pari di quella cromatica funziona da stimolo sensoriale. Così, nella zona notte verranno privilegiate fragranze dalle proprietà rasserenanti mentre in cucina, dove gli odori la fanno da padroni, si spargeranno note agrumate e speziate come, ad esempio le fragranze dolci e  aromatiche allo stesso tempo. Promossi pure gli ingredienti freschi e puliti, dalle note olfattive non invadenti: basilico, timo, pepe, menta. Le essenze floreali, orientali o speziate sono le più adatte per personalizzare il soggiorno o la zona living: l’ambiente più conviviale della casa richiede aromi avvincenti capaci di ricreare  anche solo davanti alla tv  la giusta atmosfera. Meglio ancora se in sintonia con le stagioni. All’autunno-inverno si addicono note intense come il patchouli, sandalo, spezie o ambra, mentre nella primavera-estate la scelta cade su fiori esotici, come ylang-ylang e gelsomino per dare un tocco di freschezza ed eleganza. Il bagno, invece, è il regno di note marine, quelle che ti trasportando immediatamente tra le onde, o di aromi erbacei, il giusto equilibrio tra energia e relax. In alternativa si possono scegliere fragranze «pulite» come talco, muschio e fiori bianchi. Nelle calde notti d’estate le essenze anti zanzare allontanano i fastidiosi insetti lasciandovi nel soffice abbraccio dei lenzuoli. Questo cocktail ad effetto calmante pare favorisca il riposo.

 

Un bucato morbido senza ammorbidente

Avere il bucato morbido e profumato quando aprite il cassetto, senza l’uso dell’ammorbidente non è così difficile, specialmente per le casalinghe. Il bucato migliore si ottiene con il lavaggio a mano ma per comodità spesso usiamo alla lavatrice. Abitualmente per ottenere il bucato desiderato in lavatrice si adoperano durante il lavaggio prodotti specifici: sbiancante, smacchiante e ammorbidente. Il risultato potrebbe sembrare buono, ma in compenso c’è un aspetto che non possiamo affatto sottovalutare: questi prodotti sono chimici! Ecco che nasce la necessità di utilizzare dei prodotti 100% naturali che rispettino l’ambiente, ma anche noi stessi.Quando si pensa ad un bucato fresco e profumato, viene con sé anche l’idea di morbidezza. La prima alternativa agli ammorbidenti chimici, reperibili in commercio, è il bicarbonato di sodio. Ottimo rimpiazzo dell’ammorbidente classico. Versiamo nel cestello un po’ di bicarbonato miscelato con acqua prima di attivare il lavaggio. Il bicarbonato ha il compito di rendere l’acqua del lavaggio più dolce, quindi abbasserà il livello di calcio contenuto in essa. In questo modo il bucato non indurirà a causa del calcare e risulterà molto soffice.Un prodotto totalmente naturale da utilizzare al posto dell’ammorbidente è l’aceto. Fate attenzione a non metterlo direttamente nel cestello della lavatrice insieme ai capi da lavare. Così facendo eviteremo che l’aceto venga in contatto con il detersivo, altrimenti renderebbero nullo reciprocamente il proprio effetto.Quando alcuni capi risultano molto duri, molto spesso la questione riguarda la loro elettricità statica. Si possono prendere in questi casi dei piccoli accorgimenti per ridurla o eliminarla del tutto. Se mettete un foglio di alluminio accartocciato all’interno del cestello, potrete avere dei capi molto morbidi. La stessa cosa vale se inserite due palline da tennis. Altro consiglio, suddividere i capi naturali da quelli sintetici, è possibile così mantenere ogni singolo capo soffice.L’acido citrico è l’ammorbidente naturale per eccellenza. Il composto si prepara semplicemente mescolando 500 ml di acqua con 3 cucchiai di acido citrico. Potete versarlo direttamente nello scomparto destinato all’ammorbidente. In questo modo si sortirà lo stesso effetto, se non migliore, di un prodotto chimico.

Come pulire la lavatrice e la lavastoviglie

Per pulire il cestello della lavatrice ed eliminare i residui di calcare possiamo utilizzare l’aceto versandone un bicchiere nel cestello e un altro nella vaschetta del detersivo. Avviate la lavatrice e fate un ciclo di lavaggio a vuoto. Potete utilizzare l’aceto anche per pulire la vaschetta e, in caso di muffa sulle guarnizioni, preparate una miscela di acqua e aceto che eliminerà anche il cattivo odore.L’aceto è un’ottimo rimedio per pulire e donare nuova freschezza anche alla nostra lavastoviglie. Versate una tazza di aceto sul fondo di essa che dovrà essere vuota. Fate fare un ciclo completo di lavaggio ad alta temperatura. Una volta terminato potrete riempire la lavastoviglie e utilizzarla come d’abitudine. Un altro modo per pulire la lavastoviglie con l’aceto è quello di mettere, nel cestello inferiore, una ciotola con 3 bicchieri di aceto, facendo fare sempre un ciclo di lavaggio completo, con la lavastoviglie vuota, a un’alta temperatura.Tornerà ad essere splendente sgrassata e pulitissima

Spezie scadute ecco come riutilizzarle

Vi ritrovate nello scaffale della cucina delle spezie scadute? Ecco i modi per riciclarle sia in cucina che come rimedio naturale nelle pulizie di casa. Le spezie scadono: non tutti lo sanno, ma dopo qualche tempo tendono a perdere sia il loro aroma sia le proprietà che spesso le rendono preziose anche per la nostra salute. Ma non è detto, però, che debbano finire nel cestino, Le spezie sono l’ideale per la pulizia dei tappetti, soprattutto per deodorarli. Basterà soltanto spargere le spezie sul tappeto, per esempio usando la noce moscata, la cannella e i chiodi di garofano, lasciarle agire per qualche minuto e poi aspirare i tappetti con un’aspirapolvere. Meglio però fare qualche prova su un angolo del tappetto per avere la certezza che le spezie non lo macchino. Le spezie sono un buon rimedio naturale contro piccoli insetti e in particolare le formiche. Provate ad utilizzare le spezie vecchie, soprattutto quelle dal profumo molto forte, versandone un po’ sui davanzali di porte e finestre. Vedrete che gli insetti rimarranno alla larga! Non tutte, ma senza dubbio ci sono delle spezie che si possono utilizzare per lavare gli indumenti: il rosmarino, per esempio, è molto efficace contro i cattivi odori, in particolare contro quello di sudore. Anche il pepe nero può essere usato per il bucato, dato che contribuisce a mantenere vivi i colori dei capi. In entrambi i casi basta aggiungerne un paio di cucchiai in lavatrice durante il lavaggio. Il fatto che le spezie siano scadute non significa che facciamo male, ma che hanno perso gran parte delle loro proprietà, compreso il loro aroma. Ma se prepariamo del pesce o della carne alla griglia possiamo ancora utilizzarle proprio perché il calore favorirà il rilascio del profumo. Potete spargere le spezie scadute sui cibi o direttamente sulla griglia del barbecue Il vantaggio delle spezie è quello di essere in grado di assimilare i cattivi odori, per questo motivo potrebbe essere un’idea usare quelle scadute per profumare armadi e cassetti. Basta sistemare le spezie in piccoli sacchettini di stoffa e riporli  nei cassetti  e negli spazi di casa che volete profumare.

Una particolare lavatrice

Presentata in Giappone una particolare lavatrice, dal cesto della biancheria per finire in lavatrice non usciranno solo panni sporchi ma i nostri amici…..gatti e  cani. La singolare invenzione è una macchina grande poco più di un forno, che permette il lavaggio, il risciacquo e l’asciugatura di cani e gatti in 33 minuti: e addirittura permette la messa in piega del nostro cane o gatto.La macchina, progettata negli USA, ha trovato una grande attenzione fra i possessori di animali già molto sensibili a questo genere di “attenzioni” nei confronti dei loro amici a quattro zampe, tanto da permettere alle compagnie di assicurazioni di investire sulla creazione di polizze apposite destinate a loro: per il momento il servizio di lavaggio è presente al “Pet World Joyful Honda“, dove è possibile usufruirne per il modico costo di  8 euro, con un notevole risparmio rispetto ad un classico lavaggio a mano.Nonostante le perplessità che l’invenzione potrebbe suscitare, i produttori assicurano che il sistema è assolutamente sicuro per gli animali domestici: la temperatura dell’acqua è infatti costante a 35 gradi, viene utilizzato uno speciale shampoo non irritante, e l’asciugatura dura solo pochi minuti, per rendere il pelo morbido e pulito, il tutto in circa mezz’ora. Ma i nostri amici, cosa penseranno davvero della “lavatrice” loro destinata? Sarà davvero uno strumento comodo e sicuro per loro, oppure soprattutto per i proprietari, che in questo modo  possono rendersi molto più facile il compito di effettuare la toelettatura dei loro compagni animali?

Il lavaggio del bucato

Il lavaggio del bucato in lavatrice è molto comodo, ma a volte può capitare di tirar fuori dall’oblò panni ristretti, scoloriti o danneggiati. Bisogna quindi utilizzare varie astuzie per evitare che ciò accada. Una volta acquistati, per evitare di ritrovarci nel cassetto  panni ristretti o scoloriti, bisogna esaminare bene le etichette. In generale, procediamo molto cauti soprattutto al primo lavaggio, per verificare la resa del capo. Bisogna fare attenzione anzitutto agli indumenti di colori vivaci e brillanti, che solitamente sono i più propensi a scolorirsi. In particolare il rosso, ma anche il blu e il verde acceso sono le tinte più instabili Proprio per questo non andrebbero lavati con gli altri vestiti di colori diversi, soprattutto più chiari. La separazione dei carichi è fondamentale per tutelare i colori dei tessuti, è buona abitudine   tenere i capi da lavare in un cesto portabiancheria già separati. Altre accortezze che si possono utilizzare sono l’impiego dei fogli acchiappa-colore e l’utilizzo di detersivi specifici. A proposito dei detersivi, essendo molto più efficaci di quelli di un tempo, spesso non richiedono l’utilizzo di acqua calda. Favorendo l’acqua fredda, infatti, si rischia meno sia in termini di cura del colore che si possibilità di ritrovarsi panni ristretti. Una sempre valida alternativa in caso di dubbio per capi particolarmente delicati, resta il buon vecchio bucato a mano Per giacche e pantaloni in generale, occorre chiudere tutte le cerniere e i bottoni prima di mettere in lavatrice. E’ consigliabile inoltre lavare sempre i capi al rovescio, per scongiurare eventuali lesioni sulla superficie esterna visibile.

La maglietta che non si sporca mai

Aamir Patel, uno studente di San Francisco ha inventato una maglietta che non si sporca né si macchia. Il segreto è nel tessuto, caratterizzato da particelle di silicio legate alle fibre a livello microscopico. È da un po’ di tempo che il ragazzo aveva il sogno di realizzare una maglietta di questo tipo, ha così studiato soluzioni diverse basate sulle nanotecnologie. Chi ha provato la t-shirt, racconta che non dà sensazioni diverse da quelle di una “normale” maglietta. Patel racconta che le magliette dovrebbero mantenere le particolari proprietà per circa 80 lavaggi, anche se non urge la necessità di lavare frequentemente il capo. Il costo della t-shirt dovrebbe aggirarsi sui 50 dollari, non di certo economiche. Un consiglio per non spendere una cifra simile? Rifornite il vostro guardaroba e cassettiere  di t-shirt colorate e fantasiose. Cambiate ogni giorno. Se vi macchiate, cestino, lavatrice e lavaggio rapido!

Gestire la lavatrice in modo intelligente

Il carico e lo scarico della lavatrice possono sembrare due azioni semplici e di poco interesse. Al contrario, se esse vengono organizzate in modo intelligente, riescono a far risparmiare tanto tempo e fatica. Ecco alcuni semplici consigli per gestire la lavatrice nel modo più funzionale. Dotatevi di un porta biancheria possibilmente con scomparti divisi, così potrete fin dall’inizio fare una divisione della vostra biancheria. Prima comunque di caricare la lavatrice si deve rifare la selezione dei capi, per non combinare ‘disastri’ in fase di lavaggio. Via libera quindi alla divisione tra capi bianchi e colorati e tra capi che chiedono un prelavaggio perché molto sporchi. Per salvaguardare tempo e se si dispone di spazio, l’ideale è dedicare una cesta ai capi colorati e una ai capi bianchi, così si può andare subito a colpo sicuro. Tenere tutti insieme in un mobilino i detersivi, vicini alla lavatrice e possibilmente riforniti.. Tenere a portata di mano delle ceste per riporvi i capi appena lavati. Una volta riposti essi possono essere distesi direttamente attingendo dalla bacinella, evitando un continuo ‘va e vieni’ dalla lavatrice e riducendo notevolmente lo sforzo (i capi bagnati pesano!) Nel caso di spazi ridotti meglio dotarsi di uno stendibiancheria verticale con rotelline. In questo modo i capi possono sia essere lasciati ad asciugare nel terrazzo, o in giardino se c’è una bella giornata di sole, o posizionati nell’ambiente che più si preferisce