Cosa origina i cattivi odori nell’auto?

Di solito gli odori molesti che si formano nella tua auto non hanno una sola causa. Potrebbero essere dovuti alla cena da asporto giapponese della scorsa domenica, oppure ai resti di quello spuntino consumato durante l’ultimo viaggio lungo, o magari il colpevole è il borsone della palestra. Ma niente paura: non c’è bisogno di rinunciare a tenerti in forma, e neppure di fare la fame. Esistono alcuni semplici accorgimenti che puoi adottare per deodorare la tua auto una volta per tutte. Come evitare che nell’auto si formino cattivi odori? Prevenire è sempre meglio che curare, quindi fai del tuo meglio per tenere pulito tutto l’abitacolo, inclusi i punti difficili da raggiungere e il portabagagli. Evita l’accumulo di rifiuti, gettandoli via non appena possibile. Se i tuoi passeggeri devono esibirsi in numeri da contorsionista per potersi sedere comodamente, allora è arrivato il momento di dare una bella pulita. Per facilitare l’operazione puoi acquistare un cestino da tenere nell’auto come portarifiuti; anche pulire con un panno tutte le superfici incluso il cruscotto può fare una grande differenza. Ricorda di passare regolarmente l’aspirapolvere. L’auto entra spesso in contatto con scarpe infangate o animali domestici, quindi pulire con cura anche i tappetini e i sedili aiuta a combattere i cattivi odori che possono aver impregnato la tappezzeria. Esistono piccoli aspirapolvere decisamente più maneggevoli da usare in spazi ristretti come l’auto, e anche molto efficaci specialmente avendo cura di spolverare prima le superfici con un pennello. Un buon deodorante può aiutarti a mantenere l’auto sempre profumatissima, e non dovrai più aprire i finestrini e respirare i gas di scarico per avere un po’ di ‘aria fresca’.

Giornate estenuanti

Vi aspetta una giornata estenuante? Riprendete una maglietta “vissuta” del vostro essere umano preferito L’odore del partner  a patto che non sia appena uscito dalla palestra, ha sul nostro cervello un immediato effetto calmante. È la conclusione piuttosto intuitiva di una ricerca pubblicata sul Journal of Personality, che dà ragione scientifica alle abitudini che molti conosciamo: dormire con una t-shirt del partner addosso, o spingersi dalla sua parte del letto quando non c’è. I ricercatori dell’Università hanno reclutato 95 coppie etero e chiesto agli uomini di indossare una maglietta per 24 ore, astenendosi da bagnoschiuma profumati, deodoranti, sigarette, cibi odorosi e altri prodotti che potessero modificare la naturale “fragranza” corporea. Gli indumenti usati sono stati poi assegnati in modo casuale alle partner e mischiati con magliette pulite e altre indossate da sconosciuti. Per il test olfattivo sono state scelte le donne perché il loro “naso” è più sensibile di quello maschile. Dopo aver annusato le maglie senza conoscerne il proprietario, le volontarie hanno dovuto superare due situazioni stressanti un test di matematica e la simulazione di un colloquio di lavoro, riferire i propri livelli di stress e fornire un campione di saliva. In quelle che avevano odorato la maglietta del partner, lo stress percepito prima e dopo le prove è risultato minore. Al contrario, le t-shirt degli sconosciuti hanno sollecitato la produzione di cortisolo, forse perché siamo evolutivamente e involontariamente portati ad attivare una risposta di attacco o fuga in risposta all’odore di un maschio che non fa parte della cerchia familiare.

Elimina gli odori e rinfresca la tua casa

Ci sono odori che, proprio come degli ospiti sgraditi, non vogliono saperne di sparire da casa tua. Le cause possono essere molteplici: un cane che ama rotolarsi nelle pozzanghere, un fumatore incallito in famiglia o magari qualche ardito esperimento culinario in cucina. Certo, aprire le finestre e arieggiare gli ambienti è sempre una buona idea, ma esistono soluzioni più efficaci per neutralizzare i cattivi odori dentro casa tua. Elimina il problema alla radice Se vuoi sbarazzarti dell’odore persistente del fumo di sigaretta, pulisci tutti gli oggetti che possono averlo assorbito. Fai un trattamento completo in ogni ambiente della casa, pulendo a fondo tutte le superfici. Metti in lavastoviglie o in lavatrice tutto ciò che è lavabile e passa l’aspirapolvere ovunque, cambiando sacchetto e filtri una volta finito. Anche gli specchi e le cornici vanno puliti a fondo: su di essi può infatti formarsi nel tempo una sottile patina di sporco che contribuisce alla persistenza del cattivo odore, è necessario pulire la casa regolarmente. Può sembrare banale, eppure è l’unico sistema per impedire l’accumulo di cattivi odori. Una volta stabilita la tua routine di pulizia, è semplice mantenere la casa meravigliosamente profumata di fresco. Ancora una volta, ti aiutano i vari deodoranti per ambienti che trovi in commercio neutralizzano gli odori persistenti. Per una freschezza continua e costante, usa un essenza per ambienti, che elimina gli odori e diffonde un meraviglioso profumo in tutta la casa creando un’atmosfera piacevole e accogliente per tutta la famiglia.

L’oggetto più smarrito

La prima attestazione storica dell’esistenza dello spazzolino da denti la ritroviamo molto indietro nel tempo: correva l’anno 3000 a.C. e lo spazzolino consisteva, essenzialmente, di un bastone da masticare con un finale sfilacciato La prima produzione seriale di questo prodotto oggi di largo consumo, invece, fu affidata a William Addis d’Inghilterra nel 1870, mentre il primo brevetto per uno spazzolino da denti fu di H.N. Wadsworth nel 1857 negli Stati Uniti. La produzione di massa del prodotto iniziò solamente nel 1885 in America. Lo spazzolino era costruito con un manico in osso a cui venivano fatti dei fori per applicarvi delle setole fatte con peli di cinghiale siberiano: materiale che poi risultò non essere igienico poiché tratteneva enormi quantità di batteri. Ad introdurre le setole sintetiche, solitamente di nylon, fu Du Pont nel 1938 e il 24 febbraio 1938 fu messo in vendita il primo spazzolino con setole sintetiche. Tutti prima o poi ci siamo resi conto di aver dimenticato delle cose essenziali per intraprendere un viaggio. Da un recente sondaggio è emerso che, è in assoluto, l’oggetto più dimenticato Ad accompagnare lo spazzolino sula lista degli oggetti dimenticati abbiamo il suo fedele compagno dentifricio, le calze, pettini e spazzole, deodoranti vari, adattatori e occhiali da sole. Per aggiungere qualche dato statistico possiamo affermare che le donne sono leggermente meno smemorate rispetto agli uomini: riguardo allo spazzolino abbiamo una percentuale del 55% di uomini e del 40% per le donne. Anche l’età conta parecchio; la fascia che contiene il maggior numero di smemorati è quella che va dai 18 ai 24, mentre quella compresa tra i 45 e i 54 anni sembra contenere la maggior parte di persone con buona memoria o organizzazione.

 

Mettere in ordine i cassetti

Almeno una volta al mese può tornare utile cercare di mettere ordine nei cassetti, per riordinare e pulire la casa senza troppa fatica. Ma, come ordinare i cassetti nel modo giusto? Vediamo, quindi, alcuni consigli per ripristinare l’ordine all’interno di comodini e mobili e averli sempre tutti in ordine.In primo luogo, è necessario svuotare i cassetti uno alla volta, avendo cura di buttare tutte le cose che non ci servono e mettendo da parte le cose che vogliamo conservare. Nel caso in cui troviamo carte quali scontrini, ticket e ricevute, sarebbe bene custodirli suddividendoli a seconda dell’anno di emissione, magari dentro una cestina o una scatola. Per quel che riguarda i vestiti, occorre differenziare tra abbigliamento invernale e abbigliamento estivo: a essi vanno destinati cassetti diversi, caso mai ricorrendo al sottovuoto per ridurre gli spazi. Nei cassetti andranno piegati i maglioni (sotto), le magliette a maniche corte e le camicie che comunque possono anche essere appese con delle grucce nell’armadio. L’intimo deve essere distinto: quello che viene utilizzato più spesso deve essere a portata di mano, mentre quello riservato alle occasioni speciali può essere messo in cassetti che vengono aperti raramente .In ogni caso, è consigliabile profumare tutti i cassetti con del deodorante o del pot-pourri.
Infondo riportare ordine all’interno dei cassetti non è difficile, a patto di seguire un criterio preciso. Sarebbe importante, per altro, evitare di buttare cartacce o rifiuti nei cassetti, preoccupandoci ogni volta di gettarli immediatamente nel cestino dell’immondizia: così facendo, le operazioni di riordino risulteranno più semplici e potranno essere svolte anche con una frequenza inferiore.

Operazione cattivi odori zero.

Quante volte ti è capitato di “sentire l’odore di casa” anche a distanza? L’odore di casa è unico e caratterizzante, ha il magico potere di richiamare subito alla mente immagini, ricordi e sensazioni. Ma cosa fare se gli odori in casa diventano sgradevoli? A volte i cattivi odori possono infestare intere aree della casa, come l’armadio, il baule, la  scarpiera, la cucina, la camera da letto. La formazione di odori sgradevoli può avere diverse cause. Vediamo insieme quali sono le più diffuse e i metodi più pratici per eliminarli.  Se hai appena acquistato dei mobili e vuoi eliminare l’odore di nuovo, ripassa il loro interno con una spugna umida di acqua e aceto diluite in parti uguali. Lascia asciugare, e inserisci alcuni gessetti profumati.Vuoi riutilizzare una vecchia credenza, che tenevi in cantina? Elimina la puzza di muffa facendo bollire del latte e lasciandolo raffreddare all’interno della credenza. Per contrastare la formazione dei cattivi odori negli armadi causati dall’umidità, procurati un deumidificatoreIn commercio trovi anche i prodotti specifici quali deodoranti spray, diffusori e gel che ti aiutano a mantenere i cassetti e gli ambienti privi di odori sgradevoliOperazione_odori_zero

Profumare l’ambiente

Prendersi cura della propria casa è fondamentale e tenerla pulita e in ordine è un po’ il chiodo fisso di molte persone, principalmente delle donne che, attraverso vari prodotti per la pulizia la tengono in perfetto ordine. La amano e accudiscono come fosse loro figlia.
La nostra casa ha bisogno di ordine, ospitalità, coloreversatilità, praticità e profumo, il profumo può costituire un principio molto importante in ogni ambiente domestico in cui si abita, dal salone, alle stanze da letto, fino in bagno e in cucina, per questo sono presenti in commercio numerosi tipi di deodoranti di vario genere con cui profumare ogni singolo spazio anche all’interno di mobili ed armadi, altro rimedio sono le candele che sprigionando le loro essenze con la magia della luce renderanno perfettamente profumata e illuminata  la vostra casa

Natural herbal spa & aromatherapy
Natural herbal spa & aromatherapy

I sensi….l’olfatto

Emozionare, evocare, esprimere, riconoscere, riconoscersi, ispirare…Tutti questi termini possono essere legati ad una sensazione profumata. Il profumo ha da sempre una forte carica emozionale e il potere di farci tradurre le note profumate in un insieme di percezioni che ci rappresentano e rappresentano il nostro mondo. È per questo che il profumo del nostro ambiente, così come il profumo che indossiamo, parlano di noi e diventano espressione del nostro modo di essere.Ogni profumo racconta una storia che può prendere vita negli spazi in cui viviamo a seconda di quello che vogliamo trasmettere e da quale storia vogliamo farci accompagnare. Lasciamoci travolgere da intense profumazioni che evocano positivi pensieri006069 Profumatore grande in gesso 2 pz + fiala beta