Il riscaldamento globale minaccia anche il caffè

La maggior parte delle varietà selvatiche di caffè potrebbe andare definitivamente perduta nei prossimi decenni, a causa di un mix letale di cause di cui fanno parte deforestazione, cambiamenti climatici e parassitosi. La sentenza che arriva da uno studio appena pubblicato su Science Advances getta un’ombra di angoscia anche sulle piantagioni commerciali, oggi dominate da due specie prevalenti: arabica e robusta. La prima è sensibile alle alte temperature, la seconda all’aridità del suolo. Le 124 varietà di piante selvatiche del caffè potrebbero favorire i coltivatori a potenziare la resistenza verso l’uno o l’altro tratto, ma con meno specie a disposizione, anche le opzioni per rinforzare arabica e robusta contro le condizioni ostili si ridurrebbero. I ricercatori del Royal Botanic Gardens, hanno impiegato due decenni per catalogare accuratamente tutte le varietà selvatiche di caffè con la loro distribuzione, i rischi che corrono e le caratteristiche salienti come quantità di caffeina contenuta, resistenza alla siccità e ai parassiti. Dal confronto di questi dati è emerso che 3 specie su 5, rischiano di scomparire nei prossimi decenni. Su 124, ben 75 sono minacciate di estinzione e tra queste 13 sono gravemente minacciate.Il 72% delle specie selvatiche di caffè cresce in aree protette, tuttavia questi paletti sulla conservazione rimangono spesso soltanto “sulla carta”, perché queste stesse zone non sono immuni da deforestazione e cambiamenti climatici. Mantenere la diversità genetica del caffè fuori dai suoi habitat naturali è difficile e molto costoso: rimangono le banche dei semi ma sono soluzioni di emergenza, afflitte da una cronica carenza di fondi. In Paesi come l’Etiopia, dove un quarto della popolazione vive delle attività legate al caffè, occorre trovare soluzioni con urgenza: una di quelle oggi sperimentate è la suddivisione delle foreste in cui crescono le varietà selvatiche in aree più piccole e facili da monitorare. L’onere di preservare le specie più a rischio non può spettare soltanto ai Paesi produttori. Se tutti beneficiano del caffè, tutti dovrebbero contribuire.

Scopri chi sei anche dal cono gelato

In questi giorni di caldo estremo, ci si trova spesso a scegliere di sostituire uno dei pasti con un buon gelato, fresco, dolce e bello al punto da far scordare, almeno per qualche minuto, la percezione di caldo opprimente. Di gelati ce ne sono di vari tipi, si passa da quelli confezionati a quelli freschi o allo yogurt, dai gusti alla frutta,ai classici, a quelli stravaganti, tutti mangiabili in modi diversi. C’è chi preferisce la coppetta e chi, specie se sceglie di consumarli al posto del pranzo o della cena, opta per un cono o una brioche. Inutile dire che la scelta del tipo di gelato che si preferisce mangiare può dire molto sul carattere di una persona. Ecco allora qualche curiosità sulla differenze tra chi preferisce il cono alla coppetta e chi a pranzo predilige un piatto di pasta o un insalatona  piuttosto che un gelato, magari tra gli amanti della brioche e quelli che, invece, preferiscono il cono. La brioche. Se il tuo gelato preferito è quello che si trova all’interno di una morbida brioche, sei la classica buona forchetta, amante del buon cibo e del divertimento. Allegra e sempre pronta a far festa, ti piace concederti i tuoi momenti di svago o, come li chiami tu, di meritato riposo. Un pasto dolce da consumare in compagnia, per te, è uno di questi. E gli amici sono ben felici di condividerlo con te che sei vista come una in grado di portare sempre il sole. Il cono. Del cono gelato ami la croccantezza del biscotto che giunge solo dopo aver gustato il gelato senza disattenzioni. Per te una pausa dolce è come un momento interiore, nel quale ti piace immergerti tra i tuoi pensieri, gustando in pieno ciò che hai davanti. Un modo di fare che hai anche nella vita, dove ti muovi sempre con estrema cautela, evitando di farti coinvolgere troppo se prima non sei certa della situazione nella quale ti trovi. Un atteggiamento che, nonostante la tua gentilezza, a volte ti fa apparire distante o troppo sulle tue

I comandamenti della colazione perfetta

Involtini al cioccolato, brioche alla crema, treccine alla nutella, ravioli al forno con ricotta dolce e tanto altro. Bastano davvero pochi secondi per godere di queste prelibatezze, specie a colazione, merenda o come spuntino notturno. Ma prepararle è tutta un’altra cosa. Ci vuole tempo, passione e devozione, oltre ad alcune importantissime regole che i maestri pasticceri seguono come dei comandamenti e che permettono l’ attuazione di una colazione golosa, croccante e ricca di gusto. La scelta del burro per l’impasto. Necessaria per garantire colore, sapore, profumo e lavorabilità. Deve essere assolutamente naturale e senza conservanti aggiuntivi. La cura nella preparazione. L’impasto va lavorato con dedizione e senza fretta, facendo molta attenzione a evitare i grumi e a rispettare i tempi di riposo e levitazione. Massima attenzione alla temperatura del forno. Al momento di infornare, il forno deve avere una temperatura di 220°C, che poi va abbassata a 190°C negli ultimi minuti. Questo assicura la formazione di quella morbida crosticina all’interno del quale risiede un mondo di morbidezza e sapore. Non lesinare mai sulla qualità degli ingredienti. Perché la bontà del prodotto è legata alla cura nella selezione delle migliori materie prime.