Spettacoli incredibili

Il nostro Paese può regalarci spettacoli incredibili lì, dove la natura senza ostacolo alcuno, può mettere in scena la sua esibizione più bella, quella che vede protagonista il sole. Scenari meravigliosi capaci di lasciare senza fiato, in grado di stordire i sensi, da Nord a Sud, passando per il mare e andando su fino sulle montagne.

 

Falafel Vegani con Yogurt, Prugne della California e Menta

Questa ricetta è perfetta per quando si invitano gli amici a casa si ha voglia di un bocconcino da gustare. A questo proposito lo yogurt al cocco salato, è perfetto per accompagnare i falafel. Un consiglio per questa ricetta: usate il vostro ripieno preferito con l’aggiunta salvia e cipolla, in quanto aiutano ad amalgamare i falafel e donano una bella consistenza e un ottimo sapore che viene esaltato dalle Prugne della California 100 g mix di di salvia e cipolla 1 x 400g di ceci in lattina 1 cucchiaio di menta secca 1 spicchio d’aglio 1 cucchiaio di cumino macinato 1 cucchiaio di Pasta Harissa 100 g di Prugne della California tritate 1 cucchiaio di sale 1/2 cucchiaino di pepe nero macinato 250g di yogurt vegetale di cocco 1 cucchiaino di sale 1 peperone rosso 1 manciata di foglie di menta 1 limone Versate il ripieno in una ciotola e aggiungete 200 ml di acqua bollente, mescolate e lasciate riposare per 10 minuti. Mescolate il sale con lo yogurt vegetale al cocco in una ciotola e lasciate riposare per 10 minuti. Mettete i ceci, la menta, l’aglio, la pasta di cumino e la pasta Harissa in un robot da cucina, aggiungete il ripieno e mescolate. Aggiungete poi le Prugne della California tritate e condite con un po’ di sale e pepe. Dividete il composto in 12 porzioni uguali e, con le mani bagnate, arrotolatele in palline e disponetele su una teglia antiaderente. Spennellate ogni falafel con un po’ di olio d’oliva o versate leggermente un filo d’olio, poi cuocete in forno per 25 minuti a 160°C fino a quando non diventano sodi.Versate lo yogurt salato sulla base di un piatto da portata, aggiungete i falafel e terminate con alcune Prugne della California a pezzetti, menta fresca e fette di peperoncino rosso.

 

La bioluminescenza

La bioluminescenza è pura magia che trasforma il mare come fosse un cielo stellato. Un sorprendente spettacolo naturale in cui la scenografia è al limite del reale. Vi state chiedendo come sia possibile? Ci sono spiagge nel mondo dove il mare di notte si illumina come per magia. Questo fenomeno, apparentemente misterioso, è chiamato bioluminescenza. Esso avviene grazie alla presenza di pesci, alghe ed altri organismi acquatici microscopici che emettono luce per via di particolari reazioni chimiche. Uno spettacolo unico, attraverso il quale il mare si tinge di un colore intensamente chiaro e splendente, come se al suo interno vi fosse una miriade di lucciole. Il mistero è svelato, ma il fascino di questo straordinario fenomeno rimane irresistibile. Non ci resta allora che partire in viaggio e scoprire in prima persona  luoghi fantastici dove il mare splende di notte ! Il fenomeno della bioluminescenza a Reethi Beach è molto probabilmente il più fotografato al mondo. Uno spettacolo indescrivibile, garantito dalla presenza delle dinoflagellate, particolari organismi unicellulari i cui contorni sono spesso individuabili anche ad occhio nudo.Insomma, la natura è là, sempre pronta a sorprenderci. La bioluminescenza dei mari poi, è un fenomeno unico che sublima lo stupore di chiunque lo abbia mai ammirato. Scoprire i tesori della natura è la cosa più bella

 

 

 

Oggi rilasciate 20.milioni di zanzare

Cene in giardino d’estate senza più fastidiose zanzare. Sembra essere il sogno di molti che in queste bollenti giornate di caldo si trovano a combattere con questi fastidiosi insetti., nonostante l’aiuto di zampironi, citronelle candele anti zanzare starsene comodamente seduti in giardino sembra impossibile.A Fresno in California è iniziato il più grande test di lotta alle zanzare utilizzando gli stessi fastidiosi insetti come «untori» dei loro simili. In venti milioni di esemplari maschi, che si occupano solo della riproduzione della specie le femmine solitamente si limitano a pungere, è stato inoculato un batterio-parassita, il Wolbachia, innocuo per gli umani ma che distrugge le future larve dopo l’accoppiamento. Se l’esperimento funzionerà si avrà un crollo della diffusione della pericolosa zanzara «Aedes Aegipty», responsabile anche di trasmissioni importanti tipo la malaria Il batterio Wolbachia utilizzato per infettare i maschi è totalmente innocuo per l’uomo, inoltre va tenuto presente che anche se si tratta di un numero impressionante di esemplari rilasciati nell’ambiente sono le femmine quelle che pungono, dunque la popolazione non corre alcun pericolo per questa massiccia operazione sperimentale. Non è la prima volta che si utilizzano zanzare per contrastarne la diffusione, e solo scorso anno ne sono state rilasciate circa 800mila. Se tutto andrà secondo il programma previsto, da venerdì 28 luglio un furgoncino di Verily Life Science inizierà a rilasciare un milione di esemplari a settimana per 20 settimane, coprendo completamente due quartieri per un totale di 300 ettari.

 

L’anno è inziato..iniziamo…con viaggi fantastici

La casetta della strega di Hansel e Gretel esiste per davvero. E’ a Geyserville, in California, ed è stata costruita come se fosse fatta realmente in pan di zenzero, proprio come la ghiottissima baita descritta nella fiaba dai fratelli Grimm. La Gingerbread House è stata realizzata nel Retreat Center Isis Oasis un rifugio dedito alla magia nel cuore della Sonoma County Wine Country, dove si trovano altre insolite strutture, come una casa da hobbit e una sala a tema egiziano. E si può pernottare a partire da 85 euro a notte: è attrezzata per due, e sono ammessi anche i gatti. L’interno è piccolo ma accogliente: i vetri sono colorati e decorati con delle lucine a led in grado di attribuire quell’aspetto fatato tipico delle favole. A «uscire» dalle fondamenta, sui quattro angoli della casa, sono stati scolpiti degli alberi, che si fondono con i muri color biscotto e creano un accogliente «effetto abbraccio» in tutta la dimora. Oltrepassata la porta di legno si trova una stanzetta soppalcata, con letto e studiolo, tutto in legno in stile fiaba. C’è anche il bagno, mentre la doccia è esterna, così come la cucina con il forno a legna. Il rivestimento del tetto è in paglia, e sotto ci si può anche sdraiare e trascorrere qualche ora lasciandosi cullare dalla luce del sole che filtra dalla copertura, ammirando lateralmente la natura circostante.amarzapane01-21706-kqzd-u1100657125259y6-680x456lastampa-it