Il bubble tea è uno snack drink in piena regola non si beve soltanto, si mastica !

Si chiama bubble tea ed è una bevanda ideata a Taiwan negli anni Ottanta. Il suo nome di certo attrae, perché come tutti sanno bubble significa bolla ed è un termine generalmente associato alla gomma da masticare con cui fare palloncini. Cosa a che fare allora con il ? Presto detto: il bubble tea originario è a base di nero, latte e perle di tapioca, di densità gelatinosa, caratterizzate da un gusto che per certi aspetti ricorda approssimativamente la liquirizia. La tapioca è gluten free, quindi via libera anche per i celiaci. Rispetto agli esordi sono state aggiunte numerose varianti, tuttavia il comune denominatore è sempre quello: il bubble tea non solo si beve, ma si mastica. È uno snack drink in piena regola. Gli occidentali l’hanno scoperto da poco e ne sono già innamorati: gli americani sembrano non poterne più fare a meno e adesso anche i tedeschi sono sulla buona strada. A Milano, numerosi bar lo servono (covid permettendo)  tra le proprie scelte di caffetteria e ci sono anche locali dedicati; anche a Roma, all’Esquilino, si può provare il bubble tea da YoYou

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...