Le meraviglie della natura

Le meraviglie della natura sono sicuramente moltissime  paesaggi imponenti, piccole perle bagnate dal mare, località aspre e inospitali, ma di un fascino struggente, tesori in pericolo… insomma, ognuno fa la sua classifica. Oggi ne abbiamo pressa una.Questo è il triangolo di Afar, chiamato anche Depressione della Dancalia, regione del Corno d’Africa che comprende lo Stato di Gibuti e parte di Eritrea ed Etiopia. Si trova a 155 metri sotto il livello del mare. Il paesaggio è contemporaneamente sublime e infernale, composto com’è principalmente da distese di lava basaltica su cui zampillano vulcani ancora attivi. La temperatura qui sfiora i 55°.

Uno spettacolo della natura

La spiaggia rosa di Budelli è uno spettacolo della natura senza tempo, simbolo dell’intero parco di La Maddalena. Una delle spiagge più belle al mondo esaltata da Antonioni nel film “Deserto Rosso” La spiaggia si trova a sud-est dell’isola di Budelli, nell’Arcipelago di La Maddalena, ed è caratterizzata dal suo colore rosa unico e attraente. La spettacolare colorazione si deve a un microrganismo di colore rosa, Miniacina Miniacea, che vive dentro le conchiglie. La decomposizione dei gusci di questi microrganismi nel tempo ha cambiato la composizione sabbiosa conferendole il distintivo colore rosato.Ogni anno la spiaggia rosa attira migliaia di turisti che si recano nell’arcipelago per osservare questo inestimabile patrimonio ambientale. Tutto l’arcipelago d’altronde offre luoghi da sogno: Cala Coticcio a Caprera, i forti di Santo Stefano, Cala Corsara a Spargi, solo per citarne alcuni. Una vera e propria opera d’arte, da contemplare come un quadro infatti vige la regola “guardare ma non toccare”. A partire dal 1998 l’introduzione di norme di salvaguardia integrale della spiaggia, le hanno consentito di ritornare al colore rosa naturale. Le norme sono state attivate proprio per preservare il colore naturale della sabbia. E’ vietato lo sbarco, la balneazione e l’ancoraggio, questo per evitare anche il saccheggio da parte di bagnanti che portavano via bottiglie di sabbia rosa.Dopo oltre quindici anni di divieti, da qualche anno i visitatori possono nuovamente ammirare da vicino quest’area protetta. Si può raggiungere dal sentiero situato ad est della spiaggia e ammirare tutti i suoi colori dalla passerella situata a ridosso della spiaggia, ma è vietato calpestare l’arenile e fare il bagno.

Le sculture della terra

Spiral Jetty è una scultura in terra costruita nell’aprile 1970 che è considerata l’opera centrale dello scultore americano Robert Smithson. Costruito sulla sponda nord-orientale del grande lago di sale vicino a Rozel Point in Utah interamente di fango, cristalli di sale, rocce di basalto e acqua, il molo a spirale forma un muro di 460 m Bobina in senso antiorario che sporgeva dalla riva del lago. Il livello dell’acqua del lago varia con precipitazione nelle montagne che circondano l’area, rivelando il molo in tempi di siccità e sommersa durante i periodi di precipitazione normale. I landartisti intervenivano direttamente sul paesaggio rendendolo non solo il protagonista principale dell’opera, ma usando i suoi elementi costituivi sabbia, terra, acqua, arbusti, tronchi di legno, sassi per dare forma al loro progetto artistico. La Land Art agiva modificando spesso, e in certi casi per sempre, la morfologia del luogo scelto per la realizzazione della creazione artistica.  Originariamente roccia di basalto nero contro acqua ruddy, Spiral Jetty è ora largamente bianco contro rosa a causa di incrostazione di sale.