Cheese Tea: come è fatto e qual è la sua storia

Il Cheese Tea non è altro che un freddo, verde o nero, ricoperto da uno strato schiumoso di latte facoltativo, e crema di formaggio e cosparso di sale. La bevanda è dolce, come il Bubble Tea, ma ha un caratteristico finale salato. L’uso della cannuccia in questo caso è sconsigliato poiché non permetterebbe di assaporare questa sovrapposizione di sapori; il metodo più giusto, secondo gli esperti, è quello di sorseggiarlo dalla parte superiore della tazza con un angolo da 40 a 45 gradi, anche per evitare che si formi il classico baffo di schiuma.Come il Bubble Tea, anche il Cheese Tea è nato tra gli stand del mercato notturno di Taiwan, intorno al 2010, quando i venditori decisero di unire il formaggio in polvere e il sale alla panna montata e al latte, così da formare uno strato schiumoso e piccante sulla cima di una tazza di tè freddo. Nel 2012, questa ricetta si diffuse nella provincia di Guangdong in Cina,ma con qualche variante qualitativa; i fornitori dietro il depurato salone da tè HeyTea iniziarono a usare vero formaggio al posto di quello in polvere e a combinarlo con il latte fresco. A HeyTea, il tè al formaggio divenne presto così famoso da richiamare un numero spaventoso di clienti, con code tanto lunghe da girare intorno all’isolato e tempi di attesa di circa 2-3 ore.Negli anni successivi il Cheese Tea, come il Bubble Tea, è divenuto popolare anche in altre parti dell’Asia, tra cui Hong Kong, Singapore e Malesia. Si pensi che nelle principali città della Cina, molti negozi di vendono una media di mille tazze di Cheese Tea al giorno. La bevanda è ora nota anche in Giappone, tanto che l’azienda produttrice di bevande giapponesi Kirin ha intenzione di crearne una versione imbottigliata.

 

Imparate a fregarvene

Imparare a fregarsene è spesso una delle armi segrete delle persone felici e longeve. “Fregarsene” non vuol dire affrontare la vita con superficialità. Vuol dire dare importanza alle cose e alle persone che vi interessano veramente e non dare peso a ciò che non contribuisce alla vostra felicità. Sedetevi ad un tavolo e prendete carta e penna. Fate una bella lista di tutto ciò che siete soliti fare e che non vi rende felici. Ecco alcuni esempi: fare regali per le feste ricordate esempio di Natale,Pasqua… o di compleanno,a parenti lontani o a vecchi  colleghi d’ufficio; lasciare che l’opinione di persone di cui non vi importa influenzino le vostre scelte; partecipare ad eventi o feste di compleanno di persone che non vi interessano particolarmente; comportarsi in maniera eccessivamente corretta con persone che in fin dei conti non se lo meritano; uscire con coppie con bambini quando voi siete single e i bambini neanche vi piacciono; leggere libri e giornali solo perché gli altri vi reputino una persona colta. E’ difficile, se non impossibile, togliere dalla vostra vita tutte quelle cose che vi rendono infelici o di cui non ve ne frega niente. Il trucco sta nel trovare un giusto equilibrio. Saprete voi meglio di noi quello che può essere eliminato dalla vostra vita senza che ci “rimettiate la faccia” o senza che vi perseguitino i sensi di colpa. Una volta fatta un po’ di pulizia nella vostra agenda rimarrete gradevolmente sorpresi dal tempo e dal denaro che avrete risparmiato e che potrete finalmente dedicare a voi stessi e a ciò che realmente vi importa!

I food trend vanno e vengono

Negli Stati Uniti i food trend vanno e vengono sempre più rapidamente, così come i trend relativi alle bevande. Proprio nel settore bevande, negli ultimi anni, c’è stato un rapido susseguirsi di mode dettate principalmente dal salutismo, dalla diffusione della dieta vegana, dal desiderio di provare ricette e sapori di paesi lontani o di scattare e condividere foto su Instagram. L’aspetto estetico e i colori hanno avuto un ruolo essenziale, così come le spezie e gli ingredienti energetici o ricchi di sostanze nutritive. Ma i protagonisti indiscussi sono stati il caffè e il latte: basti pensare al Golden Milk, al Matcha Latte,allo Unicorn Latte,al Goth Latte, e così via. Eppure, tra un caffè e un caffellatte, anche i e le sue varianti e ricette asiatiche sembrano farsi strada, iniziando a richiamare l’interesse degli americani, evidentemente più affezionati alla caffeina. A dimostrarlo, il grande successo del Bubble Tea, drink a base di tè verde o nero con aggiunta di sciroppo di frutta a scelta, latte ed eventuali altre dolci decorazioni, tapioca e orsetti gommosi su tutti, che finiscono nel fondo del bicchiere e che possono essere aspirate.Il successore del Bubble Tea potrebbe essere il Cheese Tea, anch’esso proveniente dall’Asia e dal sapore stimolante e “poco americano”. Questo si sta lentamente diffondendo, facendo la sua apparizione anche su Instagram, e chissà che non spopoli al punto da conquistare poi anche altri paesi, tra cui l’Italia.

Il cornetto al sushi, trend 2018

Croce e delizia degli appassionati gourmet: sulle tavole arriva il sushi croissant. Un piatto nuovo che nasce dall’unione di due cucine: quella francese e quella giapponese. Si tratta in sostanza di un cornetto francese con all’interno un sushi. Un impasto dolce e al burro, che si sposa alla perfezione  affermano  con il gusto salato del salmone e quello acido del wasabi.A crearlo è stata la catena di ristoranti Mr Holmes Bake, che ha deciso di presentare sui social la prelibatezza. Si tratta di un sushi confezionato in modo semplice, ossia con salmone affumicato, un pizzico di zenzero e un po’ di wasabi, il tutto avvolto in un’alga marina. Il sushi preparato in questo modo viene poi inserito in un cornetto. Una porzione di sushi cornetto viene circa cinque dollari e viene venduto con una bustina di salsa di soia, da utilizzare come si preferisce. Per ora i pareri di chi l’ha assaggiato si dividono. C’è chi lo trova strepitoso e chi invece lo definisce come una “schifezza”. In tanti, vedendo le foto di questo nuovo piatto, hanno criticato la decisione di mescolare in tal modo due cucine troppo diverse fra loro Mr Holmes d’altronde non è nuova a progetti del genere. Qualche tempo fa infatti aveva annunciato di essere al lavoro su un nuovo piatto: il Cruffin, realizzato con un cornetto, all’interno del quale era stato inserito un muffin. Nell’ultimo periodo il sushi è stato al centro di molte sperimentazioni culinarie, alcune decisamente ardite. Se c’è chi si è limitato a trasformarlo in un hamburger usando sempre gli stessi ingredienti: riso, pesce, wasabi ed alghe e chiamandolo sushi burger, c’è anche chi ha voluto fare di più, realizzandolo in versione arcobaleno o dolce.L’ultima trovata è quella della Nestlé, che ha ideato dei Kit Kat a forma di sushi in edizione limitata e in tre gusti che imitano i sapori dei sushi più classici. Le creazioni sono state realizzate per festeggiare l’apertura di un nuovo store Kit Kat in Giappone, dove questo cioccolato è amatissimo ed è presente in tanti gusti.

Mangiare avocado fa dimagrire?

Negli ultimi anni mangiare avocado è diventato molto di moda. Peccato siano molto costosi, ma se vi dicessimo che potreste ricevere uno stipendio per assaggiarli ? L’avocado è stato più volte definito il “frutto dei millennials”. Ogni persona di massimo trent’anni che si rispetti non è nessuno se non apprezza il guacamole o se non mette la polpa di avocado nell’insalata. Il frutto viene messo anche dentro al sushi altro cibo molto in voga tra i ragazzi nei panini, nelle zuppe e nei dolci. Di avocado è pieno Instagram, Pinterest, Tumblr e Facebook: gli manca solo l’account ufficiale. In che modo mai c’è stato questo boom di questo alimento? Non si sa bene: certamente è molto buono, sicuramente fa bene, sicuramente però costa anche tantissimo. Tanto che un multimilionario ha addirittura detto che il motivo per cui i millennials non riescono a comprarsi una casa è per il loro smodato consumo di avocado. Sebbene l’avocado sia un frutto, è un alimento molto grasso. Alcuni scienziati però, pensano che il suo consumo possa far ridurre la massa grassa. Quattro università americane hanno deciso quindi di selezionare un gruppo di persone inclini a mangiare avocado per vedere cosa accade al corpo umano quando questo frutto viene mangiato usualmente. Il campione può scegliere se mangiare un avocado al giorno per sei mesi o due avocado al mese per lo stesso periodo di tempo. La ricompensa è di trecento dollari e ventiquattro avocado. Speriamo che i ricercatori riescano a dimostrare che l’avocado ha proprietà dimagranti, altrimenti ai partecipanti toccherà spendere i trecento euro per pagare un nutrizionista e una palestra una volta finito l’esperimento. Qualche dubbio però viene, dato che la ricerca è stata finanziata da Hass Avocado Board, un “gruppo di promozione dell’agricoltura” il cui scopo è “promuovere il consumo di Hass Avocados negli Stati Uniti”. Insomma, se non potete stare senza il guacamole questo potrebbe essere il lavoro che fa per voi. Basta mettere in conto un aumento della morbidezza durante i mesi invernali ed è fatta.

 

 

Il mare e le spiagge più belle d’Italia

Come ogni anno, l’estate c’è e con lei le tanto attese vacanze al mare. E, allora, perché non pensare al mare in Italia? Bello, pulito, vicino, e, in alcuni casi, sconosciuto, il mare italiano è una tavolozza di blu cobalto e acquamarina, verdi smeraldini e infinite sfumature di azzurro e turchese. La penisola italiana è punteggiata di cale, baie e spiagge tra le più belle al mondo, distese di sabbia bianca che aspettano solo di essere esplorate .Il mare di Posada e Chia in Sardegna, Pantelleria e Trapani in Sicilia, poi le spiagge del Cilento in Campania, dell’Alto Salento Adriatico in Puglia, della Maremma toscana, prima di passare ai laghi capitati da Molveno: sono alcune delle meraviglie che fanno parte dei 23 comprensori turistici marini e lacustri premiati quest’anno con le 5 vele da Legambiente e Touring Club Una delle liste più attese dell’estate, è il meglio del meglio della loro guida Il mare più bello che passa al setaccio 136 zone balneari 96 marine e 40 lacustri in tutta Italia per consigliarci come godercele durante una vacanza perfetta. Ma la classifica dei mari più belli arriva anche dai social. La falesia in provincia di Agrigento è la località marina italiana più “hashtaggata”. Seguono Costa del Rei e Baia del Silenzio,Scala dei Turchi in Sicilia, Costa Rei in Sardegna e Baia del Silenzio in Liguria. E’ questo il podio delle località marine italiane più “hashtaggate” su Se a prevalere è la meravigliosa falesia in provincia di Agrigento, seguita dalla spiaggia famosa per lo scoglio di Peppino e dalla baia vicino Sestri Levante, la classifica vede Punta Prosciutto in Puglia ai piedi del podio, seguita dalle “corregionali” Porto Selvaggio e Grotta della Poesia. Quest’anno i comprensori marini premiati con le 5 vele sono 17 due in più rispetto allo scorso anno e ancora una volta la regione capolista è la Sardegna, con cinque 5 vele, partendo dalle Terre della Baronia di Posada. A seguire la Sicilia con 4 comprensori. Sono due, poi, le 5 vele in Puglia, così come in Campania e Toscana e un comprensorio a 5 vele, per finire, va alla Liguria e la Basilicata. Insomma preparate la valigia il mare vi sta aspettando

Appassionati di cucina e di stile

Se siete appassionati di cucina ma anche di stile e volete mescolare queste due discipline, certamente sarete attratti al food design, che possiamo tradurre con ‘progettazione del cibo’. In pratica, il cibo viene considerato un oggetto di design e gli ingredienti che lo compongono vengono visti come materiali. In questo modo, si possono creare anche delle vere e proprio opere d’arte dove non conta solo l’aspetto estetico. Se siete già esperti o se non avete mai sentito parlare di questo settore e siete curiosi, Airbnb ha organizzato un’esperienza, una sorta di laboratorio, a Milano.Potrete progettare, personalizzare e assaporare meravigliosi centrifugati, accompagnati da un buon bicchiere di vino o da una limonata aromatizzata allo zenzero. Creerete una ricetta in un barattolo speciale che potrete poi portare a casa come ricordo oppure come regalo originale per amici e parenti. Durante l’esperienza, il vostro ospite vi svelerà tutti i segreti per stupire a tavola i vostri ospiti e vi farà scoprire un nuovo modo di concepire e interpretare il cibo. Potrete fare questa esperienza da Luisa, architetto e designer, appassionata del cibo salutare e fondatrice del Food Entertainment Design Che cosa prevede: un pasto, uno snack con bevande e materiali/ingredienti utili per lo svolgimento dell’esperienza.L’esperienza comincerà con una passeggiata, passando per la piazza di Gae Aulenti in modo da ammirare il nuovo skyline di Milano. Subito dopo andrete a casa di Luisa. Vi insegnerà a ‘giocare’ con gli ingredienti facendo leva su colori e densità per creare delle ottime ricette ‘in barattolo’. Inoltre, realizzerete anche delle composizioni per un centro tavola o per uno scatto su Instagram.