Sorridere è contagioso e non costa niente

Sorridere è contagioso e non costa nulla. Grazie al sorriso, e non solo, la felicità è più contagiosa della negatività. Lo è sia nella vita quotidiana che sul web. Quando vi sedete su una comoda poltrona e aprite il giornale,o quando sotto il sole in immersi nel verde del vostro giardino andate a leggere notizie sul vostro telefono risulta essere più costruttivo leggerne  una buona che  una negativa. Ecco perché amiamo così tanto darvi delle buone notizie su ciò che succede nel mondo. Vorremmo solo sentire parlare di tragedie, di guerra e di morte? Parlarne è importante perché non possiamo nascondere ciò che succede di negativo nel mondo. Sia la negatività e la sofferenza che la felicità e la positività fanno parte del nostro mondo e della nostra vita. Quindi pensiamo che, oltre alle notizie negative, sia importante diffondere delle notizie positive che possano ridarci speranza nell’umanità. I ricercatori ora confermano che le buone notizie sono importanti e che hanno un impatto positivo su chi le legge. In un nuovo studio della University of Pennsylvania i ricercatori hanno monitorato 7000 articoli pubblicati  nel corso di tre mesi e hanno scoperto che le storie che si concentravano su buone notizie erano più lette e condivise online rispetto alle notizie negative. Inoltre, secondo i ricercatori dell’Università di Tubingen, chi legge notizie positive è più propenso a condividerle e in questo modo contribuisce a diffondere felicità. Anche le notizie negative tendono a diffondersi e ad essere condivise in questo modo, ma secondo gli esperti le persone di solito preferiscono leggere, condividere e diffondere buone notizie. Condividere buone notizie è un semplice passo per rendere il mondo migliore e per ispirare gli altri ad entrare in azione compiendo qualcosa di positivo. Quando leggiamo una buona notizia, dunque, condividiamola tra i nostri contatti e spargiamo la voce. La felicità è più contagiosa della negatività: questa è davvero una buona notizia. Ci aiutate a condividerla?

Giornata della terra 2019

Earth Day 2019: il 22 aprile, che quest’anno coincide con Pasquetta, si celebra la Giornata della Terra!

La Giornata della Terra 2019 ha forse quest’anno un significato ancora più importante: grazie a Greta Thunberg, giovane attivista svedese, i ragazzi di tutto il mondo sono scesi in piazza per manifestare contro il cambiamento climatico, le plastiche nei mari e negli oceani, l’aria inquinata e tutti gli altri problemi di natura ambientale che stanno annientando il nostro Pianeta. Proteggere la Terra significa salvaguardare il nostro futuro e la Giornata mondiale della Terra nasce proprio per sensibilizzare sul tema. Oggi, questa manifestazione coinvolge oggi circa 1 miliardo di persone, ed è celebrata con numerose iniziative ed eventi in ogni angolo del pianeta.

Scelte logiche o razionali?

Prendi sempre la decisione giusta? Oppure ti accorgi di aver operato le tue scelte sulla base di un impulso, senza averci pensato più di tanto, spinta più dall’emozione che dalla ragione? Tutto normale, non siamo quegli esseri super razionali Quando spendiamo troppo, se non resistiamo alle tentazioni, se ci facciamo prendere dall’entusiasmo o dalla paura, è a causa di meccanismi mentali ben precisi che nulla hanno a che fare con la razionalità. Quando decidiamo lo facciamo in base alle informazioni che abbiamo a disposizione o che andiamo a cercare Quello che succede più di consueto è che ci facciamo un’idea di qualcosa es: qual è il mobile  più bello, quale è il complemento d’arredo da comprare, il cioccolato non ingrassa, il fumo non fa male e poi siamo portati a leggere solo gli articoli o ad ascoltare i pareri che attestano la nostra intuizione, mentre ignoriamo le informazioni che ci dimostrano il contrario. Succede quando ci innamoriamo di una persona, di un’idea o di un progetto e operiamo delle scelte con la certezza che tutto andrà per il meglio. L’ottimismo è un atteggiamento di per sé positivo, ma i suoi eccessi ci portano a non valutare con obiettività. Lo stesso vale per l’eccesso di pessimismo. Succede, per esempio, che in un ambiente solitamente considerato conflittuale si tollerino prevaricazioni o atteggiamenti che non accetteremmo in un ambiente considerato invece più sicuro o pacifico. Ci avete mai pensato? In sostanza, siamo tutti portati a sovrastimare l’importanza delle informazioni che abbiamo, solo per il fatto di riuscire a ricordarle o perché ci hanno colpito sul piano emotivo. Di conseguenza, siccome le notizie rimangono più impresse nella memoria, siamo portati a prendere decisioni sulla base di scenari poco realistici. Per esempio, decidere di non fare il bagno per paura di essere attaccati dagli squali nei nostri mari è una scelta del tutto illogica, ma radicata in paure date di una serie di informazioni o di immagini spettacolari che per nulla rispecchiano la realtà.