AAA “assaggiatore di biscotti” cercasi e la paga è da giramento di testa

Appassionati dei biscotti fatevi avanti! Per la serie “i lavori dei sogni”, infatti, un’azienda scozzese è alla ricerca di un esperto assaggiatore di dolci pasticcini. La paga sarà di più di 40mila euro in un anno e sono previsti 35 giorni di ferie, ma è richiesta quanto meno la laurea in Scienze alimentari o simile. A lanciare l’annuncio è la Border Biscuits, azienda con sede a Lanark, una piccola città scozzese. “Stiamo cercando qualcuno che abbia le capacità, la competenza e l’esperienza per guidare davvero l’ossessione di Border per la qualità. Quindi, se sai cosa serve per fare un biscotto eccezionale, allora vogliamo sentirti!”, si legge sul sito. Non è specificato se ci si possa candidare anche da altri Paesi. Ma il candidato prescelto avrà il compito di sviluppare e lanciare nuove gamme di biscotti e di guidare il team di panettieri dell’azienda. Questa è un’incredibile opportunità per qualcuno di realizzare il proprio sogno di creare prelibatezze ogni giorno e, naturalmente, essere pagato per questo! Dice Paul Parkins, amministratore delegato di Border Biscuits. Il candidato prescelto sarà incoronato nostro Maestro Biscuitier e guiderà il nostro team appassionato nella creazione di deliziose idee per nuove creazioni di biscotti”.

 

Muffi al cioccolato e arancia

Muffin al cioccolato e arancia, ecco la ricetta per prepararli senza burro e senza pirottini, da cuocere e servire direttamente nelle bucce. Dolcetti soffici e sfiziosi di, sono perfetti per la merenda o per la prima colazione del mattino. Questi muffin permettono di utilizzare tutta l’arancia, senza sprechi oltre a conferire un tocco di originalità che piacerà di sicuro a grandi e piccini. Ingredienti per 6 muffin3 arance,12 gr di polpa di arancia,1 uovo,80 gr di zucchero di canna,130 gr di farina 110 gr cacao amaro,1/2 bustina di lievito per dolci. Ecco come preparare i muffin arancia e cioccolato: procedimento. Tagliare a metà le arance e spremere il succo con uno spremiagrumi; porre i gusci delle arance nello stampo per muffin, mettere in una ciotola capiente l’uovo sgusciato e mescolarlo con il succo e la polpa di arancia, incorporare anche lo zucchero e a seguire la farina, il cacao e il lievito, mescolare con una frusta per sciogliere eventuali grumi e versare il composto nelle bucce d’arancia riempendoli per tre quarti della loro capacità, infornare in forno caldo e cuocere a 180° per circa venti minuti, a cottura ultimata sfornare e far raffreddare su una gratella, gustateli tiepidi o freddi accompagnati da una tazza di thè o latte o dopo pranzo o cena come dessert

Un nuovo trend “eclair”

Dalla colazione al finger food,: ecco come trasformare un classico della tradizione pasticcera d’oltralpe. La nuova frontiera della pausa pranzo sono gli éclair salati, che si mangiano in un lampo, mai sentiti o assaggiati? Ecco un nuovo trend, che promette di scalzare tramezzini e panini dal loro primato di cibo da mangiare alla scrivania, rendendo la pausa pranzo molto più chic. “Éclair” in francese vuol dire letteralmente “lampo“. Questa specialità francese lunga e sottile è fatta della stessa pasta dei bignè o dei profiteroles e viene riempita di crema e glassata in superficie. Normalmente si usa la crema pasticcera al cioccolato, al caffè oppure la panna montata, ma altri ripieni molto amati sono quelli al pistacchio, al rum, alla frutta, alle nocciole. Ma la cucina è un gioco, ecco allora che si scombussolando un po’ le regole e  nascono nuove tendenze. Così è successo al pasticcino d’oltralpe, che da qualche tempo non si mangia più solo a colazione, ma diventa uno snack, un finger food da aperitivo o un pranzo velocissimo grazie a farciture salate e gourmet. Alcune idee anche da replicare a casa possono essere con marmellata di pomodori verdi; gorgonzola e pere; mousse di ricotta e prosciutto cotto; robiola e mortadella; salmone e maionese aromatizzata all’arancia; mousse di tonno e maionese. A Milano il punto di riferimento è la pasticceria parigina L’Éclair de Génie, che nella capitale lombarda ha ben due sedi. Un nuovo trend da provare!

Sfiziose curiosità culinarie

Avete mai assaggiato un gelato gastronomico? Uno di quelli fatti con ingredienti salati? Negli ultimi anni se ne sta parlando tanto, e capita sempre più spesso di trovarli in accompagnamento a piatti che esaltano il contrasto dolce salato e caldo freddo. Se pensate a una cena in giardino con pochi amici intimi fatta a base di sfiziosi piatti, o di grigliate miste, potete rendere  il gelato al gorgonzola protagonista lo potete servire in una cialda, proprio come se si trattasse di un gelato nel senso più classico del termine. Un gelato di questo genere solitamente, abbinato al vero protagonista del piatto. L’idea potrebbe essere di servire questo squisito gelato come antipasto così che i vostri amici possano mangiare tutto gironzolando per il giardino mentre la griglia lavorava lenta e inesorabile dando il giusto  tempo dell’aperitivo per essere poi pronti in tavola. Per il prossimo fine settimana , il nostro suggerimento è quello di dare un occhio alla lista degli ingredienti, andare a fare la spesa e fare qualche telefonata per  invitare i vostri amici a sperimentare con voi questo gelato perfetto per il periodo.