L’angoscia della domenica

La domenica pomeriggio mentre rientriamo da una giornata al mare o in montagna o anche più semplicemente mentre il sole scende all’orizzonte veniamo avvolti da a solitudine, la frustrazione e le aspettative insoddisfatte sfilano davanti ai nostri occhi. Tante volte, senza esserne coscienti, finiamo per fare un’introspezione o evitarla. Proprio questo alla fine della giornata cresce il germe dell’angoscia. Ecco alcuni consigli per imparare a gestirla meglio.Organizzare le attività da realizzare il lunedì già dal venerdì pomeriggio. Questo facilita la transizione del fine settimana e la domenica non verrà dedicata solo al lavoro. Godersi la domenica. Non stiamo parlando di restare inattivi, ma di dedicare la domenica a svolgere le attività che amiamo e che ci fanno stare bene, gite cene con amici, ma anche momenti rilassanti seduti su comode poltrone in giardino, con un buon libro contornati dalla luce sprigionata da profumate candele all’interno delle lanterne sarà un buon inizio per una buona settimana

Domani è lunedì ….

Nessun venerdì 17 farà mai paura quanto un qualsiasi lunedì! Il lunedì è sempre il giorno più duro della settimana. La mattina il suono della sveglia è traumatico, dopo un bel week-end di riposo e divertimento il pensiero di ricominciare la settimana e di dover affrontare tutti gli impegni in agenda richiede tanto impegno mentale e fisico per combattere lo sconforto e ripartire alla grande. Per riuscirci bisogna mantenere un atteggiamento positivo e perchè no trovare tanti piccoli trucchi per sorridere alla vita, anche nel giorno più difficile della settimana! Svegliatevi un po’ prima, godetevi la tranquillità del mattino senza frenesia, fate una bella doccia, preparate una ricca colazione o concedetevi uno caffè al bar… insomma cari lettori, trovate il modo di coccolarvi che alla sferzata di energia