Blue Monday

Il termine inglese Blue Monday “lunedì triste” indica un particolare giorno del mese di gennaio, solitamente il terzo lunedì  del mese, ritenuto essere il giorno dell’anno più depressivo per le nazioni dell’ emisfero boreale. Il primo Blue Monday fu dichiarato il 24 gennaio 2005 come parte di un comunicato stampa di Sky Travel dedicato ai viaggi. Arnall disse di avere escogitato la data per aiutare le compagnie di viaggio ad analizzare la tendenza dei loro clienti, osservando come questi ultimi siano più disposti a prenotare un viaggio quando si trovano in uno stato di profondo malumore I fattori da lui considerati comprendono le condizioni meteorologiche, la capacità di fronteggiare i debiti accumulati, il tempo trascorso dal Natale , il fallimento dei propositi che si erano prefissati con l’inizio del nuovo anno, i bassi livelli di motivazione e la sensazione di una necessità di agire. In questo giorno cerchiamo di non farci trovare impreparati Se l’origine scientifica del Blue Monday è assai confusa, lo stesso non può dirsi per la connessione tra benessere fisico e salute mentale Con palestre e piscine chiuse per effetto della normativa anti-Covid, via libera a jogging e camminate sul lungomare per, ma anche a giri in mountain bike e passeggiate in campagna o in collina per chi risiede nell’entroterra. Sempre con un occhio alle regole previste per l’attività sportiva   Praticare il ‘decluttering’, ovvero il magico potere del riordino fare spazio nell’ambiente circostante equivale a mettere ordine nelle proprie esistenze,. Si comincia gradualmente, liberando cassetto dopo cassetto e togliendo tutto ciò che non serve: oggetti, vestiti e persino mobili non più indispensabili, per lasciare libero spazio a pensieri freschi, Mai come oggi, può essere importante sfruttare la solitudine cui ci hanno costretto le restrizioni anti-Covid per ritagliarci un momento per noi stessi basta, ad esempio, un bagno caldo e un paio di candele profumate al posto della solita doccia frettolosa, o una coccola profumata, come dedicare un minuto in più a un piacevole massaggio con la propria crema corpo preferita.

Blue Monday cos’è e quando arriva nel 2020

Che ci si creda o no, ci sono studi che portano a decretare quali giorni dell’anno possono essere più o meno tristi. Uno studio di qualche anno fa, per esempio, ha identificato il Blue Monday un giorno particolarmente delicato per tutta una serie di fattori che portano a demoralizzarsi in modo particolare in quel giorno, un po’ come succede per la depressione natalizia che, invece, riguarda tutto il periodo delle feste.Come il nome stesso lascia intuire si tratta di un Lunedì e per la precisione del terzo Lunedì di Gennaio che quest’anno cadrà il 20. Ma cos’è il Blue Monday, e perché si chiama così? Il Blue Monday, come già accennato, non è altro il terzo Lunedì del nuovo anno che, secondo uno studio, è considerato un giorno particolarmente triste. A “scoprirlo” è stato Cliff Arnall, uno psicologo dell’Università di Cardiff che nei primi anni del 2000, dopo un calcolo complesso nel quale rientravano variabili di ogni tipo, ha stabilito che il terzo Lunedì di Gennaio è sempre un giorno critico per via di una serie di fattori che messi insieme possono portare a sentirsi inquieti e depressi.A detta di Arnall il problema è dato da un mix di clima non favorevole, realizzazione delle feste Natalizie ormai definitivamente terminate, assenza di voglia di impegnarsi nel lavoro e sensi di colpa per le troppe spese fatte a Natale. Quest’ultimo aspetto non va effettivamente sottovalutato visto che trattandosi quasi sempre di un periodo che cade verso fine mese, può essere difficoltoso per chi ha speso più del dovuto nel mese precedente arrivare allo stipendio del mese successivo.Detto questo  alla fine sarà tutto vero o tutta una bufala?