Porcini

Tra i funghi più amati ci sono loro, i mitici porcini: caratterizzati da un cappello carnoso, che può raggiungere un importante diametro anche 30 cm, hanno un gambo robusto e un gusto inconfondibile. Sono presenti in numerose tipologie e nascono in prevalenza in boschi di conifere e latifoglie, soprattutto ai piedi di querce, castagni e faggi. L’autunno è il la stagione per eccellenza dei funghi, grazie al clima spesso piovoso e umido. Sono il motore trainante di centinaia di persone che cesto alla mano, approfittano in questo periodo per andare a fare una passeggiata nel bosco alla ricerca di queste prelibatezze Alcune semplici regole di base: i porcini vanno raccolti soltanto in condizioni di sicurezza, non improvvisatevi esperti di funghi se non lo siete. Comprateli preferibilmente nella stagione giusta. Puliteli , ma cuoceteli poco: è importante, sia per questioni organolettiche, sia igieniche, eliminare tutto il terriccio e le impurità. Allo stesso tempo, eccedere nella cottura li farà diventare troppo gommosi e viscidi: se ci volete fare il risotto, non metteteli subito nella pentola. Saltateli per 3 minuti in un tegame a parte con qualche erba aromatica la nipitella è eccezionale per accompagnarli e uniteli al risotto negli ultimi 3 minuti di cottura. Altrimenti gustateli Fritti in abbondante olio di oliva sono una squisitezza…

I funghi più velenosi in assoluto

funghi sono degli ottimi alimenti da mangiare perché alcuni hanno un sapore davvero squisito, mentre altri possono essere velenosi  Ma vi siete mai chiesti quale sia il più pericoloso in assoluto? Lo abbiamo scoperto e sembra proprio che sia l’Amanita phalloides. Scopriamo qualcosa di più su questa specie.Questa specie è responsabile del maggior numero di decessi nel mondo dovuto all’incauta raccolta di funghi che le persone fanno. Sarebbe il più mortale in assoluto.Cosa provoca questa specie? Ebbene, causa intossicazione a lungo termine di tipo falloide. Inoltre, c’è da dire che cresce dall’estate all’autunno e in genere lo possiamo vedere nei boschi di latifoglia, preferendo nocciolo, faggio e castagno.Si tratta di una specie di fungo presente un po’ in tutte le regioni italiane sia nei boschi planiziali che in quelli d’altura e possiamo sottolineare come 50 grammi di questa specie possono essere fatidici per l’uomo. La sua tossicità è dovuta alla presenza di due veleni: le amantine e le falloidine.Se doveste vedere uno di questi funghi fareste meglio a stare molto attenti perché si tratterebbe del fungo più velenoso in assoluto.