Evitare discussioni inutili

Evitiamo di entrare in discussioni inutili con persone che non sentono nessuno tranne se stessi. Il nostro tempo è troppo prezioso per spenderlo su ciò che non aggiunge, non arricchisce, non arriva da nessuna parte. Non c’è nessuno che non abbia difficoltà a parlare di vari argomenti senza essere smentito aggressivamente o ironicamente. Molte persone vogliono difendere le loro opinioni ad ogni costo, con qualunque mezzo, senza preoccuparsi affatto dei sentimenti degli altri, o del ragionamento che usano per sostenere ciò che predicano. Consigliare soluzioni a determinati problemi richiede una conoscenza minima dell’argomento. Il settore dell’istruzione, per esempio, è bombardato da raccomandazioni e critiche da parte di persone che non hanno mai letto un testo pedagogia nella propria vita. Ricordiamo quante opinioni sono state espresse sulla necessità dei vaccini per esempio, tutte le polemiche che hanno provocato e che tutt’ora in tempo di corona virus raccontano. Inoltre, è necessario essere consapevoli che, quando le opinioni vengono espresse, non saranno mai unanimi e per questo motivo creeranno disaccordi più o meno gravi. Il disaccordo può essere sano e costruttivo quando ha una base concreta e di buonsenso. Ci permette di avere altre visioni del mondo, possiamo espandere e migliorare la nostra comprensione, rielaborare ciò che sentiamo e come ci sentiamo. È nel confronto che cresciamo, lasciando da parte ciò che non si adatta e abbracciando il nuovo, ciò che è più coerente. Tuttavia, anche se è difficile avere discussioni senza che gli animi si surriscaldino, il rispetto per le opinioni altrui dovrebbe essere una regola e mai un’eccezione. Non possiamo prendere tutte le questioni di cui discutiamo dal lato personale, né sentirci offesi per ogni dissenso in cui ci imbattiamo. Le nostre opinioni non sono insindacabili, le nostre convinzioni non sono universali, il nostro parere può essere poco convincente oppure solo inadatto per gli altri. Il modo in cui reagiamo quando siamo ribattuti e come l’altro reagisce quando non è d’accordo con noi, rivela l’educazione, l’intelligenza, l’integrità morale di entrambi. Infine, sta a noi evitare di entrare in discussioni sterili, nelle polemiche ad oltranza e intrattenerci con chi sente il bisogno impellente di dire la sua su tutto e tutti. Inutile discutere con chi è convinto di essere il detentore della verità universale, con chi non accetta di mettersi mai in discussione ed esprime le proprie opinioni come se fossero legge. Le persone intelligenti eludono gli argomenti ed evitano le discussioni

Lasciare le cose a mezzo

Un meccanismo dannoso che ci porta a vivere non a pieno. Provando purtroppo ad agire solo a metà, ma abbandonando poi ogni volta, o troppo di frequente e troppo presto, senza portare realmente a termine nulla. In due parole la mania di lasciare le cose a mezzo”di iniziarle ma poi lasciarle a metà. A tutti è capitato, e non si tratta di un vero problema se è accaduto qualche volta. Ma lo diventa se si tratta di una strategia utilizzata troppo spesso o addirittura dell’unica strategia  possibile.Finire ciò che si inizia un elemento necessario.Finire ciò che si inizia è importante non è affatto qualcosa di secondario, ma al contrario è fondamentale ed è anche ciò che da davvero senso a quello che facciamo.  Finire ciò che si inizia è l’unico vero modo per mettersi davvero in gioco, e poter quindi raccogliere dei risultati positivi e soddisfacenti. Lasciare le cose a metà invece significa innanzitutto non mettersi in gioco del tutto, e di conseguenza non ottenerne alcuna soddisfazione concreta. Lasciare le cose a metà significa provare solo un po’.Lasciare le cose in sospeso è indice di poca convinzione, poco impegno, a volte di paure ed insicurezze, che non ci consentono di andare fino in fondo. Proviamo a fare qualche esempio. Se voglio avere un giardino curato tutto l’anno dovrò essere disposto ad andare fino in fondo, servirà a poco lasciare le cose in sospeso. Se voglio farmi conoscere dalle persone, dovrò mettermi davvero in gioco Se voglio costruire qualcosa di nuovo ad esempio un’attività, un progetto, dovrò provarci davvero, e non mollare troppo presto altrimenti non potrò mai sapere come andrà a finire, né raccogliere dei veri risultati. Dobbiamo all’inizio insistere fare leva sulla  pazienza, sulla capacità di gestire l’impulso di evitare o mollare alle prime difficoltà, la perseveranza e la resistenza, la gestione dei pensieri e delle emozioni che inevitabilmente si innescheranno mentre proviamo a fare qualcosa, tra cui ad esempio la frustrazione. Tutte risorse che colui che è abituato a lasciare le cose a metà non conosce e non è abituato ad utilizzare. E proprio per questo motivo risultano essere deboli o quasi inesistenti. Lavorando seriamente su tali aspetti, è possibile fare davvero molto ed iniziare un ottimo processo di cambiamento. Correndo il rischio come conseguenza di poter accedere ad una migliore e più piacevole qualità di vita. Non è importante da dove parti, tu continua a provarci, e prima o poi scoprirai di essere più competente di quanto pensi”.Con il giusto impegno, voglia di mettersi in gioco, tutto può cambiare.